-->
Connettiti con noi

Europei

Donnarumma: «Italia, merito di Mancini. Eriksen ci ha fatto spaventare»

Pubblicato

su

Gianluigi Donnarumma, portiere del Milan e dell’Italia, ha parlato ai canali ufficiali della UEFA in vista della prossima sfida con la Svizzera

Gianluigi Donnarumma, portiere del Milan e dell’Italia, ha parlato ai canali ufficiali della UEFA in vista della prossima sfida con la Svizzera. Le sue dichiarazioni.

ERIKSEN – «Ciao Chris, da parte mia e di tutta la squadra ti mandiamo un augurio di pronta guarigione. Ci hai fatto prendere un grande spavento, ma è importante che sia tutto passato. Ti aspettiamo presto in campo e ti mandiamo un abbraccio grandissimo».

FORZA DELL’ITALIA – «E’ un obiettivo che ci diamo quello di non prendere gol perché il nostro gol può sempre arrivare. Stiamo lavorando bene in fase difensiva. Cerchiamo di continuare così perché è sicuramente un grande orgoglio non subire gol per tante partite come abbiamo fatto noi. Ma l’importante è che la squadra vinca».

MANCINI – «Giochiamo davvero bene, e questo è merito del mister che ci ha dato tanto. Ci ha dato serenità. Non era facile far così bene dopo una grandissima delusione. Abbiamo questo metodo offensivo che mi piace molto, ma anche a livello difensivo andiamo bene, quindi significa che siamo molto equilibrati».

BUFFON – «So che i portieri che sono arrivati prima di me in questa nazionale hanno fatto la storia. Non sento la pressione ma è un grande orgoglio essere qui dopo di loro. Sicuramente guardo i record di Buffon, ti dà tanta forza. Battere i suoi record non sarà facile, ma ci proverò».

SVIZZERA – «Sarebbe importantissimo. Dovremo far bene, prepararci bene e cercare di vincere questa partita che per noi è molto importante. La Svizzera è un’ottima squadra che gioca bene al calcio. Anche loro hanno un gioco molto offensivo e quindi dovremo stare molto attenti e concentrati per 90 minuti, fare le nostre cose bene, ci prepareremo bene come sempre e speriamo di fare una grande partita. Dovremo essere ancora più concentrati rispetto alla prima».