Emergenza Coronavirus: il Parma dona 100 mila euro all’Ospedale Maggiore

Parma Lizhang
© foto www.imagephotoagency.it

Si stanno moltiplicando le donazioni dal mondo del calcio per l’emergenza Coronavirus: ecco l’iniziativa del Parma

Il Parma dona 100 mila euro all’Ospedale Maggiore. Ecco il comunicato della società, legato anche al rimborso dei biglietti dei tifosi.

«Cari abbonati del Parma Calcio, 

come vi è noto, la programmazione della Serie A è stata oggetto di variazioni dovute all’emergenza sanitaria legata al COVID-19. Per questo motivo, prima della sospensione del campionato, la gara tra Parma e Spal è andata in scena a porte chiuse, senza la presenza di chi ad inizio stagione ha sottoscritto un abbonamento per scendere in campo al nostro fianco in tutte le gare che giochiamo nella nostra casa, lo Stadio Tardini. Il Parma Calcio 1913 ha deciso di offrire ad ogni sottoscrittore la possibilità di richiedere il rimborso del rateo del proprio abbonamento per quanto riguarda la gara giocata a porte chiuse. E’ un diritto che riconosciamo ai nostri abbonati e di seguito troverete tutte le informazioni e la modulistica necessaria. C’è però anche un’altra possibilità: tutti i nostri tifosi sono a conoscenza dell’iniziativa lanciata dal Parma Calcio a supporto de La Squadra Più Forte Di Parma, ovvero l’equipe sanitaria dell’Ospedale Maggiore di Parma che sta fronteggiando strenuamente l’emergenza di queste settimane. All’interno del modulo da compilare per richiedere il proprio rimborso, ciascun abbonato avrà la possibilità di scegliere di affiancare la società crociata e dare un aiuto fondamentale a chi sta lottando per tutti noi, destinando il rateo del proprio abbonamento a La Squadra Più Forte Di Parma. A prescindere dal numero di abbonati che nell’ambito di questa ed ulteriori iniziative di rimborso decideranno di devolvere il proprio rateo a La Squadra Più Forte Di Parmail Parma Calcio 1913 garantirà comunque una donazione minima di 100.000€ – destinate al Reparto di Terapia Intensiva e al Reparto Infettivi dell’Ospedale di Parma – per questa che ora è la causa più importante. La società crociata quindi affiancherà tutti coloro che decideranno di aiutare l’equipe sanitaria dell’Ospedale Maggiore di Parma, integrando la somma raccolta per arrivare in ogni caso alla soglia minima di Euro 100.000, oltre alle iniziative già in corso».