Di Francesco aspetta il Capitano: «Voglio Totti all’interno della società, è lui la Roma»

roma di francesco
© foto www.imagephotoagency.it

La Roma di Eusebio Di Francesco sarà orfana di Francesco Totti in veste di calciatore, ma il Capitano non abbandonerà la nave

Il ritiro di Pinzolo servirà ad Eusebio Di Francesco per modellare la Roma a sua immagine e somiglianza. L’allenatore ha toccato svariati argomenti nel corso della serata organizzata dalla società giallorossa a Madonna di Campiglio: «Sono soddisfatto dopo questa prima settimana di ritiro, ma avrò la rosa al completo solo negli Usa. Stiamo lavorando per far sì che difesa, centrocampo e attacco siano un corpo unico. Incontro Totti-Pallotta? Non so cosa siano detti, il mio desiderio è quello di avere Francesco in rosa, con un ruolo ben definito. Penso che la Roma sia Totti e Totti sia la Roma. Amichevoli? Darò la chance ai giovani di dimostrarmi se sono già pronti o meno e farò giocare di più chi sta meglio fisicamente. I miei calciatori non potranno mai dire di non sapere a chi dare la palla, d’altronde chi osa è più bravo. Dovrò far capire sia ai giovani che ai campioni che gioca soltanto chi merita. Io come Zeman? Apprezzo Zdenek perchè in quegli anni faceva un calcio diverso, io, però, sono difranceschiano. Florenzi? E’ stato sfortunato, sarà un calciatore importante per noi».

Condividi