Getafe, Bordalas: «Speriamo di poter giocare contro l’Inter»

getafe bordalas
© foto www.imagephotoagency.it

Il tecnico del Getafe, José Bordalas, ha parlato alla Gazzetta dello Sport dell’emergenza Coronavirus e dell’Inter

Il Getafe avrebbe dovuto affrontare l’Inter negli ottavi di Europa League. L’emergenza Coronavirus ha ovviamente rinviato tutto a data da destinarsi. Sulle pagine della Gazzetta dello Sport, il tecnico degli Azulones, Josè Bordalas, fa il punto della situazione.

EMERGENZA – «Ancora non sappiamo quanto tempo ci daranno prima di riprendere a giocare, però confidiamo che ci sia un periodo di adattamento alla competizione. In caso contrario ci sarebbero gravi rischi a livello d’infortuni: finché non vediamo i giocatori, non possiamo sapere come stanno realmente, e per quanto si possano allenare in casa non possono fare quello che facciamo abitualmente in campo».

NON VENIRE IN ITALIA – «La decisione del presidente è stata incredibilmente azzeccata. Viaggiare in quel momento era tremendamente rischioso per tempi e luogo. Basta pensare a quello che è successo ad altri che sono andati a Milano, come il Valencia o il Madrid di basket. La presa di posizione del presidente è stata positiva per noi e per il calcio: ha aperto gli occhi ad altri. C’era troppa gente che pensava che non sarebbe successo nulla e che bisognava continuare a vivere in maniera normale: il tempo ci ha detto che non era così, è arrivata la parola pandemia».

QUANDO SI GIOCA – «Tante speculazioni, nessuna certezza. Speriamo di poter giocare, e di farlo presto. Se non potremo disputarla in maniera classica, a San Siro e qui da noi, sono certo che la Uefa troverà la soluzione migliore senza pregiudicare nessuno»