Handanovic ultraterreno: l’Atalanta domina, Inter illesa

© foto www.imagephotoagency.it

Decidono le autoreti di Murillo e Toloi: termijna 1-1 tra Atalanta ed Inter

Nei primi quarantacinque minuti le due sventurate autoreti di Murillo e Toloi a definire il momentaneo 1-1, l’Atalanta domina la gara e mette l’Inter alle corde, salvata da un Handanovic in versione extraterrestre: finisce con il risultato del primo tempo, gli uomini di Reja avrebbero meritato di più.

PRIMO TEMPO – L’Inter deve vincere dopo il passo falso interno con il Sassuolo e Mancini risolve il ballottaggio tra Ljajic e Jovetic in favore di entrambi: i due slavi agiranno a supporto di Icardi contro un’Atalanta in formazione rimaneggiata. Pericolosi i padroni di casa al 5’ minuto: da situazione di calcio piazzato la difesa dell’Inter respinge male, irrompe Cigarini che però non trova lo specchio della porta, appena dopo sono Dramè e Kurtic a mancare il bersaglio da posizioi favorevoli, sull’esterno è decisivo l’intervento di Handanovic. Primo squillo Inter al 16’: il solito Brozovic ci prova dalla lunga distanza, la palla gira troppo e termina a lato della porta difesa da Sportiello. Avvio molto intenso sotto il profilo atletico da parte dell’Atalanta: pressing alto e circolazione palla molto rapida. Al 17’ il meritato vantaggio degli uomini di Reja: Dramè sfonda sulla corsia mancina ed irrompe in area di rigore, il suo tiro-cross propizia lo sventurato intervento di Murillo che spedisce direttamente nella sua porta. Passano pochi istanti e l’Atalanta sfiora il raddoppio in due occasioni: prima Monachello su ulteriore errore di Murillo, poi Gomez dalla distanza con la palla che esce per questione di centimetri. Al 25’ arriva il sorprendente pareggio dell’Inter: festival degli orrori a Bergamo, sul cross di Icardi è inspiegabile l’errore di Toloi che nel tentativo di spazzare manda direttamente nella porta difesa da un incolpevole Sportiello. L’Atalanta continua a macinare gioco e sfonda con costanza sulle corsie: ispirato Gomez nell’agevolare il moto delle corsie, al 38’ si fa vivo Jovetic che passa per via centrale e calcia dai venti metri senza però trovare precisione. Miracolo di Handanovic allo scadere su Monachello, perfettamente servito da Cigarini: Inter salva grazie al suo portiere, all’intervallo si va sul risultato di 1-1.

SECONDO TEMPO – Nessun cambio in avvio di ripresa: Reja e Mancini rimandano le scelte. Subito pericoloso Monachello al 2’ minuto: colpo volante da posizione laterale, buon impatto ma il pallone va fuori di poco. Ancora un miracolo di Handanovic all’8’ su Toloi che da corner stacca sulla difesa nerazzurra ma si vede negata la gioia del gol da un intervento strepitoso del portiere sloveno che con una sola mano manda in corner, nulla di fatto sulla seguente punizione di Cigarini che non gira a dovere e termina alta. Folle prestazione di Handanovic: al 14’ il gol di Cigarini è oramai fatto, il centrocampista calcia a botta sicura da un metro ma l’estremo difensore si esibisce in un intervento fuori da ogni logica ipotizzabile. Inter ancora in gara per logiche divine e totalmente dovute al suo incredibile portiere: colpo di testa di Icardi al 19’ deviato in corner dalla retroguardia ospite, ancora l’argentino al 22’ manda a lato un bel diagonale su servizio di Ljajic. Nell’Atalanta ora si sono accese le spie della riserva di fiato: gli uomini di Reja hanno dato tutto, meriterebbero ben altro risultato ma si ritrovano a dover contenere le iniziative dell’Inter, al 35’ punizione di Ljajic appena alta, incredibile chance sprecata da Monachello che da due passi manda alle stelle l’assist perfetto di un inesauribile Gomez. Termina 1-1.

HANDANOVIC DA ALTRI PIANETI – Inter in enorme difficoltà sul piano della prestazione nell’arco della prima frazione di gara: l’Atalanta passa come e quando vuole sulle corsie laterali, l’intensità messa in campo dagli uomini di Reja ha probabilmente sorpreso la seconda forza della classifica, le occasioni sono di fatto tutte per i padroni di casa. Gol casuali scaturiti da due autoreti: gli interventi sciagurati di Murillo e Toloi. Copione immutato nella ripresa: l’Atalanta domina e crea occasioni in ripetizione, Handanovic va oltre le logiche terrene e tiene in gara un’Inter che non ha meriti nella fattispecie.

TABELLINO – ATALANTA – INTER 1-1

Marcatori: Murillo (I) aut. 17’, Toloi (A) aut. 25’

Ammoniti: Atalanta – Toloi, Gomez, Monachello, Cigarini; Inter – Jovetic, Guarin, Brozovic, D’Ambrosio, Biabiany

Espulsi:

Atalanta (3-5-1-1): Sportiello; Toloi, Masiello, Cherubin; Conti (al 74’ Bellini), Cigarini, De Roon, Kurtic (all’82’ Migliaccio), Dramè; Gomez (all’85’ Diamanti); Monachello. In panchina: Bassi, Radunovic, Brivio, Estigarribia, Raimondi, Ranieri, D’Alessandro, Denis. Allenatore: Edoardo Reja

Inter (4-3-3): Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Murillo, Telles (al 70’ Biabiany); Guarin (al 58’ Perisic), Medel, Brozovic; Ljajic, Icardi, Jovetic (all’85’ Palacio). In panchina: Carrizo, Ranocchia, Jesus, Montoya, Santon, Nagatomo, Gnoukouri, Kondogbia, Manaj. Allenatore: Roberto Mancini