Inter, Orlandoni: “Qui c’è entusiasmo. Eto’o…”

© foto www.imagephotoagency.it

Non dovreste chiedermelo, ma ve lo dico: oggi, purtroppo, sono trentanove… “. Con un sorriso sulle labbra, come sempre, Paolo Orlandoni scherza ai microfoni di Sky Sport 24 nel giorno del suo compleanno, che lo vede “per fortuna ancora in pista con l’Inter, felice e orgoglioso di essere qui e di avere la fiducia da parte della società , fiducia che cerco giorno dopo giorno di meritare“.

Nell’intervista rilasciata al termine dell’allenamento, in onda sul canale 200 della piattaforma, il portiere nerazzurro parla poi dell’Inter targata di Gian Piero Gasperini: “Mi sembra vada bene, c’è entusiasmo e l’allenatore lavora bene. Piano piano la squadra si sta ricompattando, sono arrivati i vari nazionali e se siamo tutti insieme sarà  più facile per Gasperini lavorare“.

Calciomercato, chi va, chi viene e chi resta. Orlandoni dice la sua anche su questo: “Si dicono e si scrivono tante cose, ma ciò che conta davvero è che chi rimane qui sia orgoglioso di rimanerci e lo faccia con lo stesso entusiasmo di sempre. Se ci sono voci o sirene è bene che ognuno scelga quello che è meglio per lui. Certo è che l’Inter rimarrebbe una squadra competitiva in ogni caso“.

Inevitabilmente si parla poi di un probabile addio di Samuel Eto’o e di che cosa cambierebbe nella qualità  della squadra nerazzurra. “Parliamo sempre di un grande campione – replica Orlandoni -, come lo sono Pazzini o Milito, ma credo che se dovesse partire lui, arriverà  un altro giocatore”. E se fosse Carlos Tevez? “Si parla sempre di grandi giocatori, io ho avuto la fortuna di allenarmi con tanti di loro e anche quest’anno la squadra sarà  piena di campioni. Poi vedremo chi saranno e magari sarà  ancora Eto’o“.

Infine, uno sguardo al futuro, per Orlandoni sempre nerazzurro: “Spero sia un anno importante per noi. Sarà  importante provare a ripetere quanto fatto di buono nelle stagioni passate e farlo con grande entusiasmo. Se anche in Europa vedo un’Inter competitiva? Sì, quello resta sempre l’obiettivo principale per una squadra come l’Inter. Giocando bene e in modo organizzato si può fare strada, anche se come tutti sappiamo è una competizione particolare sicuramente potremo dire la nostra fino alla fine“.

Fonte | Inter.it