Connettiti con noi

Inter News

Inter flessibile, così Conte alza e abbassa il pressing – ANALISI TATTICA

Pubblicato

su

La flessibilità è ora uno dei punti forza per l’Inter che sa alzare o abbassare il pressing a seconda delle caratteristiche dell’avversario

Dopo la vittoria contro l’Atalanta, in molti hanno criticato la prestazione dell’Inter, accusando Conte di difensivismo (un qualcosa che spesso succede per contestare chi vince). Senza dubbio, contro la Dea, i nerazzurri non hanno disputato una prova particolarmente brillante con il pallone. Hanno spesso faticato a guadagnare metri, il pressing di Gasperini ha stroncato la risalita.

PER TUTTE LE NOTIZIE SUI NERAZZURRI SEGUITECI SU INTERNEWS24

Tuttavia, come abbiamo scritto qui, la difesa di posizione dell’Inter è stata molto solida e attenta. Seppur bassa e attendista, è riuscita a limitare la pericolosità dell’Atalanta. Questa è una costante che stiamo vedendo in stagione: quando l’Inter si abbassa e difende il risultato, diventa una squadra quasi impossibile da scalfire.

Degna di nota è l’evoluzione che i nerazzurri hanno avuto in questa stagione, ben racchiusa dalle parole di Conte: “Abbiamo trovato un equilibrio alternando fasi di aggressione ad altre di attesa: siamo diventati più compatti, quando attacchiamo facciamo male. A inizio anno eravamo troppo aggressivi, gli avversari avevano trovato le contromisure”.

Come si vede nel grafico di Calcio Datato, a inizio anno l’Inter aveva un indice PPDA bassissimo. Cioè, cercava di recuperare palla molto in avanti, vedevamo anche marcature a uomo piuttosto ambiziose. I giocatori interisti non erano però a proprio agio con questo stile, tant’è che Conte ha deciso di cambiare. Il risultato è che a, seconda del tipo di partita, vediamo i nerazzurri optare per un diverso tipo di aggressività senza palla.

Vediamo partite in cui l’indice PPDA è molto basso (ossia, gare in cui l’Inter prova a recuperare in fretta palla) ed altre volte invece in cui i nerazzurri sono molto attendisti e lasciano il pallino del gioco in mano agli avversari. Basti pensare ai match contro Atalanta e Lazio.

Insomma, rispetto al difficile inizio di stagione, Conte ha avuto il merito di ridare solidità difensiva alla propria squadra. Il grosso merito dei nerazzurri è la flessibilità, a seconda del tipo di partita sanno come e dove difendere, variando l’altezza del pressing. 

Advertisement