Italia U21, Cragno: «Grazie per la fiducia»

© foto www.imagephotoagency.it

Il portiere del Cagliari titolare in Nazionale, ma non nel suo club

Il commissario tecnico dell’Italia Under 21 Gigi Di Biagio in lui confida ciecamente anche se, in effeti, Alessio Cragno nella sua squadra di club, il Cagliari, in Serie B, non è titolare. E’ la strana storia di un portiere predestinato che negli ultimi mesi però è stato relegato in panchina dalle circostanze e da Marco Storari ma che ieri, grazie a una grande prestazione contro la Slovenia, ha lanciato i suoi. Intervistato a fine partita Cragno ha dimostrato di saper ripagare la fiducia del tecnico, nonostante in tema di giovani portieri gli azzurri abbiano decisamente l’imbarazzo della scelta: da Simone Scuffet a Ivan Provedel, passando poi per altri giovani di talento come Mattia Perin, Francesco Bardi e Marco Sportiello. Non male decisamente.

ITALIA UNDER 21: CRAGNO AL TOP – «Finora sta andando tutto bene, non aver preso ancora gol è molto importante, ma non è merito mio, bensì di tutta la squadra – ha raccontato Cragno al sito ufficiale della Nazionale al termine della partita di ieri – . La mia situazione a Cagliari? So bene che non è semplice dar fiducia a un giocatore che non gioca nella propria squadra di club, per questo vorrei ringraziare Di Biagio per la fiducia». Cragno, per essere un portiere, non è altissimo, ma ha le idee molto chiare: «Magari la maggior parte dei portieri moderni supera il metro e novanta, io sono un metro e ottantacinque, non credo sia poco. I miei modelli? Ovviamente per un portiere italiano il numero uno in assoluto rimane sempre Gigi Buffon. Mi piace tanto anche Iker Casillas, ma adesso che gioca in Portogallo riesco a seguirlo meno rispetto a prima. Entrambi sono completi, ammiro tutto di loro, soprattutto il fatto di essere decisivi»