Simoni: «Ceccarini, quello patetico sei tu!»

© foto www.imagephotoagency.it

«Dice che le mie accuse sono da querela? Quasi quasi ora lo querelo io»

Incredibile che vent’anno dopo quasi se ne parli ancora, eppure è così: quel celeberrino episodio di JuventusInter del 1998, il fallo di Mark Iulano su Ronaldo ed il rigore non concesso ai nerazzurri che secondo molti poi portò alla perdita dell’Inter dello Scudetto di quella stagione, di fatto, fa ancora discutere. Prima le accuse dell’allenatore interista dell’epoca, Gigi Simoni (oggi presidente della Cremonese), poi la risposta dell’arbitro di quella partita, Piero Ceccarini, che aveva definito Simoni “patetito” ed aveva bollato la decisione presa allora come giusta. Simoni però non ci sta, per niente, ed oggi rilancia: «Io patetico? Ma stiamo scherzando? Patetico è lui, che continua a non ammettere di aver sbagliato. Quel rigore era netto, lo dicono tutti, anche tanti juventini. Ma lui no, è incredibile. Io commetto dieci errori al giorno, ma mi assumo le responsabilità – le parole di Simoni – . Ceccarini continua invece ad andare avanti per la sua strada, a non chiedere scusa»

SIMONI A CECCARINI: «POSSO QUERELARTI» – L’ex allenatore interista ammette di non provare più rabbia per quell’episodio, ma di essere ancora molto amareggiato a distanza di diciotto anni circa. Poi accusa Ceccarini: «Ogni giorno incontro persone che tornano su quella partita, ma ovviamente mi danno ragione. Se ho mai rifiutato un incontro con Ceccarini? Non me lo ricordo, ma può darsi. D’altronde non voglio avere a che fare con un personaggio del genere. Non capisco perché dovrei vederlo, tutto questo è ridicolo. E poi tra di noi c’è una bella differenza… – ha concluso Simoni a Il Tirreno . Dice che le mie accuse sono da querela? Allora mi quereli, perché non lo fa? Ma adesso sto pensando anch’io a una denuncia, visto che mi ha dato del patetico». A distanza di anni quel Juventus – Inter potrebbe finire in tribunale con due dei protagonisti principali dell’epoca che ancora ne discutono accesamente. Nel mentre il mondo è andato avanti…