Kean: «Potevo tornare alla Juventus. Ma ho scelto il PSG»

kean juventus
© foto www.imagephotoagency.it

Kean: «Potevo andare alla Juventus, ma ecco perché ho scelto il PSG». Le dichiarazioni dell’attaccante ex bianconero

Moise Kean, ex attaccante della Juventus ora al PSG, ha parlato ai microfoni di Rai Sport dal ritiro della Nazionale italiana.

PSG – «Mi ha dato sicuramente grandissima emozione, mi aspetto di imparare tanto da questa bellissima esperienza e di portare tanti risultati a casa. Sono giovane, posso sempre imparare, mi piace farlo accanto a grandi attaccanti. Imparerò dalla loro esperienza, dal modo in cui giocano. Non mi è dispiaciuto lasciare il calcio inglese, la cosa non mi è toccato tanto, sono andato in Francia per imparare».

MANCATO RITORNO ALLA JUVE – «È assolutamente vero che potevo tornare alla Juve, ma la decisione è stata presa con la mia famiglia e ora mi trovo a giocare nel calcio francese. Non è la prima volta per me a Parigi: c’ero già stato ed ho anche dei parenti che sono lì».

NAZIONALE ED EUROPEO – «La Nazionale mi piace tanto: è nuova, i compagni sono bravissimi, mi aiutano sempre e siamo un grande gruppo. La cosa che ci rende molto forti è che Mancini ci dà fiducia. Questo vale soprattutto per me che sono così giovane. Dare fiducia ad un giovane non è facile e vorrei ripagarla in campo. Certo qui c’è sempre concorrenza, ma se non ci fosse non sarebbe bello il calcio. Faccio di tutto e mi alleno per farmi trovare pronto, per andare a vincere l’Europeo».

TRE MAESTRI – «Denominatori comuni fra Allegri, Ancelotti e Mancini? Non faccio distinzioni, perché mi hanno aiutato tutti e tre tantissimo. Gli allenatori che ha avuto mi hanno fatto crescere molto come uomo, soprattutto mister Allegri alla Juventus, è grazie a lui che sono a questo livello. Con Mancini ho un bellissimo rapporto: mi dà sempre consigli su come mettermi in campo, nonostante io sia il più giovane del gruppo. E mi dà fiducia. Lo ripeto: questa fiducia voglio ripagarla in campo».