La tecnologia in campo? Finalmente!

© foto www.imagephotoagency.it

Torna la rubrica settimanale di Giorgio Micheletti per Calcionews24!

Se è vero che la prossima stagione sarà quella dell’introduzione della tecnologia per i gol-non gol,allora avremo finalmente finito di assistere ai siparietti diventati in verità stucchevoli qui di seguito enumerati (e ne dimentico certo qualcuno):

1) il violino di Garcia
2) le lamentele di Lotito dopo il derby
3) le lamentele della Roma dopo le lamentele di Lotito
4) le arrabbiature del Napoli dopo la Juve
5) le arrabbiature della Juve per le arrabbiature del Napoli
6) le risposte di Torino alle lamentele di De Sanctis
7) ecc ecc.

Eppure, guardando una interessante notizia sulla home page del sito di Football Data, agenzia giornalistica di Tiberio Fossi che proprio in questi giorni ha compiuto 20 anni di vita, si nota che, negli ultimi tre campionati e mezzo delle “sette sorelle”, comparando rigori pro e contro ed espulsioni pro e contro e facendo il consuntivo escono dati abbastanza sorprendenti. Napoli e Milan sono le due squadre che hanno maggiormente beneficiato del saldo rigori (rispettivamente +27 e +15), mentre ad esempio l’Inter è ultima con un saldo negativo di 8 rigori. Per le espulsioni invece guida la Juventus, con un saldo positivo di 19 (30 a favore e 11 contro), seguita da Fiorentina e Napoli con un saldo positivo di 12 e 14 (rispettivamente 26-14 e 25-11), mentre la Lazio è ultima con un saldo negativo di 10. Il combinato che consegue da questi dati porta il Napoli a un saldo positivo di + 41 davanti alla Juventus con 29 e alla Fiorentina con 23.

Ognunoi tiri le conclusioni che vuole, ma i numeri dicono questo, quindi che tutti vedano di applicare la regola delle dieci P: Prima Pensa Poi Parla Perché Paola Poco Pensata Porta Pena. Ma se ci sarà la tecnologia, nessuno potrà più nascondersi dietro errori arbitrali (e finalmente la smetteremo anche di sentire difese di ufficio veramente imbarazzanti e del tutto anacronistiche come quelle che i vertici arbitrali continuano a fare).