Connettiti con noi

Atalanta News

Maietta: «Gasperini tifoso della Juventus. È pronto»

Pubblicato

su

gasperini squalifica antidoping

Domenico Maietta, ex giocatore della Juve Primavera allenato da Gasperini, ha parlato del tecnico dell’Atalanta

Domenica la Juve scenderà in campo al Gewiss Stadium contro l’Atalanta, in una sfida di Serie A dal forte sapore europeo. In palio, infatti, 3 punti che potranno essere fondamentali in ottica corsa Champions. I bianconeri si troveranno di fronte Gian Piero Gasperini, che conosce bene la Juventus, avendone indossato la maglia da giocatore ma soprattutto da allenatore. Il tecnico di Grugliasco ha infatti guidato le giovanili bianconere – fino alla Primavera – dal 1994 al 2003. Tra i tanti giovani talenti allenati dal Gasp a Torino anche Domenico Maietta, che in Serie A ha giocato a lungo con le maglie di Verona, Bologna e Empoli. L’ex difensore, che attualmente riveste il ruolo di team manager proprio nell’Empoli, ha parlato di Gasperini a Juventusnews24.com.

LEGGI LE DICHIARAZIONI COMPLETE SU JUVENTUS NEWS 24

GASPERINI – «Era come lo si vede adesso. L’ho avuto 8 anni, prima alla Juve e poi al Crotone. Era come adesso, forse anche più ambizioso. Cercava di far bagaglio degli allenamenti con i ragazzi per poi metterli in pratica con i grandi. Pretendeva tanto, non guardava in faccia nessuno. Era abbastanza coerente con il suo lavoro, ho bellissimi ricordi. Riesce a farti dare il meglio con allenamenti particolari. Già allora giocava 1 contro 1, faceva lavori fisici che adesso non si fanno».

JUVENTUS – «Lui è anche tifoso della Juve… Non lo so perché gestire dei campioni è diverso dallo gestire ottimi giocatori. Alla Juve ci sono tanti campioni. È bravo a metterli in campo, a farli lavorare a livello atletico, ma non so come è nella gestione. È cresciuto molto dopo l’esperienza all’Inter. Io lo vedo bene, molto bene, però poi lo dirà il campo. Ti trovi davanti gente come Ronaldo, Chiellini, Bonucci, Morata… Conoscendo il personaggio, che è abbastanza focoso, non so come li gestirebbe. Penso che se uno vada ad allenare la Juventus, un passo indietro debba farlo».