Connettiti con noi

Calciomercato

Milan, il calciomercato ha lanciato un segnale: i rossoneri vogliono vincere subito

Pubblicato

su

mandzukic calciomercato serie a

Il Milan ha chiuso il calciomercato invernale da vero protagonista. Ora Pioli ha una rosa in grado di lottare fino alla fine per il vertice

Il Milan è stato senza dubbio il vero protagonista del calciomercato invernale della Serie A: il club rossonero ha infatti effettuato tre acquisti e tre cessioni a gennaio riuscendo ad allungare la rosa di Stefano Pioli e, al contempo, ad epurare chi era ormai di troppo.

ACQUSTI – Con Meité (prestito oneroso da 500 mila euro), Mario Mandzukic (a parametro zero) e Fikayo Tomori (prestito con diritto di riscatto da 28 milioni) Maldini e Massara hanno praticamente rinforzato ogni reparto della rosa senza spendere di fatto un euro per i cartellini dei tre calciatori. Il centrale inglese e il centravanti croato hanno già dimostrato la bontà dell’investimento fatto, per Meité qualche errore di troppo nelle tre presenze già effettuate in maglia rossonera rinvia obbligatoriamente il giudizio finale.

CESSIONI – Altrettanto importanti le tre cessioni operate dalla dirigenza milanista che in un colpo solo si è liberata di Andrea Conti (prestito con obbligo di riscatto da 7 milioni al Parma), Lorenzo Colombo (prestito secco alla Cremonese) Mateo Musacchio alla Lazio, tutti fuori dal progetto tecnico di Stefano Pioli e che liberano di quattro milioni netti complessivi il monte ingaggi.

CALCIOMERCATO MILAN: IL VOTO – Il Milan si guadagna dunque un 8 pieno per il mercato effettuato in questa sessione invernale; resta la grande incognita riguardante il ruolo di vice-Theo ma viste le difficoltà riscontrate da tutti i club al mondo nel periodo post-covid ciò che è stato fatto da Maldini, Massara ed Elliott è già di per sé un successo.

ORA CROTONE – Terminato il calciomercato è ora il momento di tornare a pensare al campo: domenica a San Siro arriva il Crotone, un match sulla carta abbordabile ma non per questo poco ostico. Ieri il gruppo squadra ha potuto riabbracciare nuovamente Calhanoglu, al primo allenamento post-Covid. In giornata nuovi controlli per i due infortunati Simon Kjaer e Brahim Diaz che però difficilmente saranno disponibile per il match contro i calabresi.

Advertisement