Mirabelli: «Bonucci al Milan grazie a Kessié, successe il finimondo»

Iscriviti
bonucci kalinic milan
© foto www.imagephotoagency.it

Mirabelli: «Bonucci al Milan grazie a Kessié, successe il finimondo». Il retroscena di mercato dell’ex dirigente rossonero

Massimiliano Mirabelli, ex dirigente del Milan, racconta a calciomercato.com alcuni retroscena del trasferimento di Bonucci dalla Juventus ai rossoneri.

PER TUTTE LE NOTIZIE SULLA JUVE VAI SU JUVENTUSNEWS24

BONUCCI AL MILAN – «Più che un’idea è stata un’occasione. Non era un acquisto programmato, ma un’opportunità del momento. Abbiamo sfruttato la sua rottura con Allegri, e quando c’è stata la possibilità l’abbiamo colta al volo. Molti hanno criticato la nostra scelta di prenderlo, ma per me non si può mettere in discussione l’acquisto di uno dei migliori difensori. C’era solo bisogno di tempo, per tutti».

PER TUTTE LE NOTIZIE SUL MILAN VAI SU MILANNEWS24

RETROSCENA – «Quando avevamo chiuso l’affare, io andai via e rimasero Fassone con l’agente di Bonucci, Lucci. Il procuratore convinse Marco a dare a Leonardo la numero 19, ma non sapevano che io l’avevo già promessa a Kessié. Così successe il finimondo perché nessuno dei due voleva mollare quella maglia, e c’è stato il rischio concreto che uno dei due acquisti saltasse. Ricordo che durante la tournée in Cina doveva giocare un’amichevole col Bayern, e cinque minuti prima dell’inizio della gara Kessié non voleva entrare in campo senza la ‘sua’ 19. Alla fine però, grazie alla sua straordinaria umanità, è riuscito a capire la situazione e ha fatto un passo indietro lasciando quel numero a Bonucci».