Le lacrime di Pandev, ultimo esempio di (anti)eroe moderno

Iscriviti
© foto Instagram ffmacedonia

Con la sua rete Goran Pandev ha trascinato la Macedonia agli Europei 2021: le lacrime del capitano hanno commosso un intero popolo, ma non solo

Allenatori, compagni o tifosi che siano, difficile trovare qualcuno che non abbia apprezzato Goran Pandev nella sua infinita carriera. L’ultima prodezza contro la Georgia è valsa la qualificazione storica a Euro 2021 e, soprattutto, l’elezione a leggenda dell’attaccante macedone.

La Macedonia del Nord, di cui è capitano, condottiero, recordman di presenze e di gol, salirà sul grande palcoscenico continentale per la prima volta. Un risultato epocale per la giovane Repubblica che dichiarò la sua indipendenza dalla Jugoslavia nel 1991. Quando Goran era appena un bambino che si dilettava con il pallone nella sua Strumica.

Proprio dalla squadra della sua città, il Belasica, l’Inter lo prelevò poco più che diciottenne. Un anno trionfale con la Primavera per poi iniziare il lungo girovagare per lo Stivale tra Spezia, Ancona, Lazio, Napoli e Genoa, dopo la breve parentesi turca con la maglia del Galatasaray.

Nel pieno della maturità, però, il secondo ritorno in nerazzurro nel gennaio 2010: il tassello perfetto per rendere imbattibile l’armata di Mourinho che conquistò il Triplete. Goran Pandev non conquistava le prime pagine, ma sapeva incidere e rendersi fondamentale in quel meccanismo perfetto.

Un attaccante tremendamente efficace, anche quando si alza dalla panchina. Letale negli ultimi undici metri, vedere per credere il guizzo che ha steso la Georgia concretizzato sull’asse Elmas-Nestorovski, a concludere un triangolo che di italiano ha avuto moltissimo.

Goran Pandev non ha le caratteristiche dell’eroe calcistico moderno: non è bello, non ha giocate folgoranti, non ama la luce dei riflettori. In questo senso incarna perfettamente la figura dell’antieroe: il tipo di eroe imperfetto che ha saputo far commuovere un popolo. Quel popolo macedone che ha nell’orgoglio e nella fierezza dell’identità nazionale ancora un valore imprescindibile.