Parma, Leonardi: “Questa squadra avrà  certezze”

© foto www.imagephotoagency.it

“Il Parma del futuro avrà  certezze, a differenza dell’anno precedente che era partito con alcune incognite, e avrà  anche un vantaggio: sappiamo dove intervenire per cercare di migliorare questa squadra, sempre con la consapevolezza però che la nostra linea è questa”. Pietro Leonardi show ieri a Tempi supplementari, il programma sportivo del lunedì su etv, con Roberto Bottarelli, Francesca De Vincenzi e Gabriele Majo.
“Sono molto contento di quello che abbiamo fatto da quando sono arrivato” ha continuato l’amministratore delegato che poi è entrato nel dettaglio, parlando di Bojinov, Guidolin e Ghirardi.

Circa l’attaccante bulgaro, Leonardi ha detto che è fiducioso di tenerlo a Parma ma ha anche ampliato il discorso: “E’ stato detto che questa è una squadra fatta da prestiti, comproprietà  e tutta un’altra serie di considerazioni: vedremo se poi ci saranno o no questi giocatori l’anno prossimo”.

Quindi, per l’ennesima volta, la conferma dell’allenatore: “Il nostro progetto è pianificato con Guidolin, per noi il futuro passa attraverso di lui, vogliamo sfruttare le sue competenze e la sua esperienza, per colmare quelle che possono essere le lacune di alcune scommesse che ci possono essere anche nella prossima stagione. Guidolin per noi è un valore aggiunto. I nostri punti sono tanto figli suoi. Non possiamo lasciarlo perdere per andare alla ricerca di incognite. Il contratto? Io non ho nessuna difficoltà , con Guidolin ho un rapporto molto diretto. I giocatori sanno perfettamente che lui sarà  l’allenatore. L’allenatore non è un calciatore che ha bisogno di essere blindato con un contratto: vi risulta forse che qualche allenatore venga venduto? E’ logico che anche la rivalutazione anno per anno degli allenatori debba passare attraverso una serie di risultati. Il ragionamento deve essere, con molta chiarezza, fatto su quelli che sono gli obiettivi che devono essere condivisi. Quest’anno era la salvezza, l’anno prossimo sarà  quello di fare un po’ meglio, non chiederemo a Guidolin di andare in Champions League”.
Ma Leonardi è andato oltre, difendendo il mister dalle accuse che lo vogliono in difficoltà  nel girone di ritorno: “Si accetta tutto, perchè ognuno ha la verità , tra cui la favoletta sul periodo nero di Guidolin. Ma se uno guarda bene si accorge che esiste anche il periodo no di Mourinho, il periodo iniziale della Roma, quello del Milan, che se non avesse vinto la partita incredibile con il Chievo sarebbe ancora più evidente, quello del Palermo, che ha determinato l’esonero dell’allenatore; quello della Fiorentina, quello del Genoa”¦”

Poi un elogio a Ghirardi: “Io penso che il Parma, indipendentemente da tutto, abbia un futuro giusto, positivo, perchè ha un presidente solare, giovane, con ambizioni: è chiaro che bisogna fare il passo per quello che consente la gamba, perchè altrimenti si rischia di brutto. Questo è un momento particolare non solo del calcio, ma di tutta l’economia: vince chi è virtuoso, non solo chi mette soldi in una maniera spropositata”.

Ultima battuta sull’Europa. Sarebbe un bene o un male? “Mi verrebbe voglia di rispondere come quel comico di Zelig: tu dammi l’Europa, poi dopo ce penso io – risponde ironico Leonardi – Non è mai un male, l’importante è rimanere con i piedi per terra, perchè dobbiamo essere coerenti: arrivare in Europa in questa stagione sarebbe più di un miracolo”.

Fonte: fcparma.com