Sampdoria, Ranieri: «Tre punti e respiriamo. Quagliarella? Ci manca»

ranieri sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Claudio Ranieri ha commentato la vittoria contro il Lecce: le dichiarazioni dell’allenatore della Sampdoria

Claudio Ranieri, allenatore della Sampdoria, ha commentato in conferenza stampa la vittoria conquistata al Via del Mare di Lecce.

VITTORIA – «Mi fanno ringiovanire questi ragazzi, con loro devi essere sempre pronto. Era difficile stasera, non siamo abituati a stare nelle posizioni in cui abbiamo giocato stavolta, ma abbiamo lottato su ogni pallone e i tre punti ora ci fanno respirare. Ma non è ancora finita. Non possono essere belle queste partite, sapevamo della bontà del Lecce. Avevo chiesto ai miei di stare compatti e stretti e ripartirgli perché lì trovavamo aperti. Alcune volte ci siamo riusciti, altre no. Forse la Sampdoria non è più abituata a giocare questo tipo di partite, negli ultimi anni è stata abituata a giocare a metà classifica. Il mio obbiettivo è alzare l’attenzione su queste partite, portare la concentrazione ai massimi livelli perché è diverso trovarsi in questa posizione di classifica. Per questo sono molto contento della prova dei ragazzi, hanno saputo soffrire, subirlo e avere la forza – dopo cinque/dieci minuti – di riprenderci e fare gol. Mi dispiace per Liverani, lo stimo e fa giocare bene i suoi ragazzi».

PORTE CHIUSE – «Oggi è stato un handicap per il Lecce giocare senza pubblico, quello che stiamo giocando è un campionato anomalo che però va finito. Dobbiamo continuare a lottare come fatto oggi».

SPAL IN ARRIVO – «Una rondine non fa primavera. Ora arriva la Spal, che gioca bene a calcio. Che ha pareggiato con il Milan. Ci sarà da soffrire ma noi lo sappiamo. E magari avere quel pizzico di fortuna che non abbiamo avuto col Bologna, ma che forse stasera è arrivata. La mia concentrazione è sulla Spal, che ha cambiato il modo di giocare perché non è facile fare due gol al Milan. Voglio che sia la partita della svolta, noi abbiamo sempre lottato per uscire dalla crisi. Non gli ho mai potuto rimproverare nulla quella che hanno lo mettono in campo».

RAMIREZ – «E’ importante il carisma, l’esperienza. Da lui può sempre uscire qualcosa».

QUAGLIARELLA – «Manca tanto perché è un giocatore esperto. Ha avuto questa piccola distrazione al gemello. Ha fatto la seconda ecografia e gliel’hanno dato per il 98%. Se non è pronto domenica, ma penso di averlo almeno in panchina».