Sassuolo, De Zerbi: «Ritorno in campo? Sì, ma in sicurezza»

De Zerbi
© foto www.imagephotoagency.it

L’allenatore del Sassuolo De Zerbi ha ribadito la sua posizione in merito al ritorno in campo dopo l’emergenza Coronavirus

Il tecnico del Sassuolo Roberto De Zerbi ha commentato la situazione legata all’emergenza Coronavirus ai microfoni di Sportitalia: «Siamo obbligati a stare in casa. C’è qualcosa di brutto e serio che sta colpendo tutto. A malincuore, ci adeguiamo. Ritorno in campo? Sono favorevole, a patto che non si metta a repentaglio la vita di nessuno. Il calcio muove interessi economici, non è più solo uno sport. Prima comincia, prima si torna alla normalità».

STIPENDI «Mi limito a dire cose già dichiarate. Sono fortunato perché faccio parte di una società particolare. Qualcuno ha cavalcato troppo questa situazione per interessi personali, chi per risultati sportivi e chi per soldi che avrebbe potuto risparmiare. Mi dispiace che si tenda a fare demagogia sulla questione stipendi. Ho fatto il calciatore e ora faccio l’allenatore. Non siamo come ci dipingono. Il calciatore è intelligente e sa di dover fare dei sacrifici, ma i problemi vanno affrontati chiaramente. I soldi che uno si toglie, dove vanno? E perché fino a marzo nessuno pensava alla salute e ora si tende a chiudere il prima possibile il campionato?».