Serie A, Casasco: «Una bolla vera però può aiutarci in caso di positività»

serie a
© foto www.imagephotoagency.it

Una bolla può aiutare la Serie A solo in caso di positività, è il pensiero del presidente dei medici sportivi Maurizio Casasco.

Il presidente della Federazione Medico-Sportiva e consigliere indipendente della Lega di Serie A Maurizio Casasco ha rilasciato un’intervista per la Gazzetta dello Sport parlando della possibilità di creare una bolla in stile NBA per il proseguimento della Serie A.

Queste le sue parole.

BOLLA – «Una bolla vera però può aiutarci in caso di positività e questo potrebbe evitare interventi differenti delle Asl. Sono i club stessi che dicono: non possiamo andare a casa, ci chiudiamo in una struttura unica e usciamo solo per allenarci e per giocare le partite».

TAMPONI – «Fare un controllo a 48 ore della partita non ti assicura che sia superato il tempo della possibile incubazione. Così il rischio è che il test del venerdì non ti possa garantire che alla domenica il soggetto non possa infettare qualcun altro. La mia proposta è:test antigienici ogni 2 giorni e il tampone RNA virale a 24 ore dalla partita. In attesa che siano validati quelli sulla saliva».

AREE COMUNI – «Gli spogliatoi, le docce:in quei luoghi non deve entrare nessuno, neanche un dirigente o quello che fa le statistiche. Credo che serva comunque una taskforce legale e sanitaria della Lega pronta a intervenire in ogni emergenza».