Tounkara, altre vicissitudini per l’attaccante della Lazio

© foto www.imagephotoagency.it

Mamadou Tounkara aveva subito il Daspo nel gennaio scorso, ma i guai non sembrano esser finiti per il giocatore biancoceleste: i dettagli

Di Mamadou Tounkara non si avevano notizie dal febbraio scorso: l’attaccante senegalese della Lazio aveva subito il Daspo di un anno per essere venuto alle mani con un tifoso in tribuna Monte Mario al termine di Lazio-Chievo (28 gennaio), quando Tounkara intervenne in una discussione a distanza tra il tifoso e Biglia che stava tornando negli spogliatoi a fine partita. Poi, solo quattro minuti in campo a Pescara (proprio una settimana dopo quell’episodio), qualche panchina e tante domeniche vissute fuori dall’Olimpico: il Daspo gli avrebbe infatti permesso di essere convocato da Inzaghi, ma non di andare in tribuna. Tounkara, che continua ad allenarsi a Formello, è ricomparso in campo sabato scorso, giocando da fuoriquota il derby Primavera a Formello, finito 2-2.

ESPULSO – Ha segnato su rigore, ma è stato espulso al 23’ del secondo tempo e si è preso una squalifica fino al 31 gennaio «per avere – si legge nel comunicato del Giudice sportivo – colpito con un calcio alla gamba un calciatore avversario facendolo cadere a terra dolorante e per aver, in seguito alla notifica dell’espulsione, rivolto epiteti ingiuriosi al direttore di gara». Secondo “La Gazzetta dello Sport”, nelle prossime ore la Lazio valuterà la possibilità di fare ricorso. Tounkara, proprio a gennaio, potrebbe essere ceduto in prestito all’estero (possibile la pista spagnola), ma la squalifica a tempo varrà anche fuori dall’Italia. Tre giornate di stop anche per l’allenatore della Lazio, Andrea Bonatti.