Villas – Boas: «Ero innamorato di Mourinho, però poi…»

mourinho manchester united
© foto www.imagephotoagency.it

Andrè Villas – Boas racconta i perchè della sua venerazione per Josè Mourinho

L’allenatore dello Zenit San Pietroburgo ha parlato del suo personalissimo rapporto con Mourinho nel corso dell’Aspire4Sport Congress: «Lavorativamente parlando, i migliori anni della mia vita li ho trascorsi al fianco di Josè. Ti insegna tanto, alzando i tuoi standard». Ricordiamo che Andrè è stato il secondo allenatore dello Special One al Porto, all’Inter e al Chelsea, salvo poi spiccare il volo e diventare anch’egli primo allenatore. «Lavorare con lui è davvero incredibile, un esperienza totalizzante che ti conduce ad innamorarti calcisticamente di lui e delle sue idee».

MOURINHISMO – Quella in Mourinho era diventata una vera e propria fede per lui: «Diventa il tuo idolo e ti induce a pensare di voler diventare come lui. Un esempio da cui apprendi ogni aspetto del suo calcio. Tira fuori il meglio da ognuno che gli sta intorno, poi però le cose hanno iniziato ad andare per il verso sbagliato: non andavamo più d’accordo, discutemmo in maniera accesa e decisi di iniziare una carriera per conto mio. Però, quando sono arrivato al Chelsea da solo, ero ancora troppo acerbo. Col Tottenham ho imparato parecchio». La storia di un figlio di Mourinho.