Atletico Madrid, questo deve essere l’anno di Joao Felix

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

In queste due prime partite dell’Atletico Madrid, abbiamo visto un grande Joao Felix. Ha un peso sempre più importante nella squadra

Dopo aver demolito il Granada, l‘Atletico Madrid di Simeone non è andato oltre lo 0-0 in casa dell’Huesca. Gli avversari hanno disputato una gara molto attenta in fase difensiva, con un 5-4-1 che ha chiuso bene gli spazi. I colchoneros per larghe fasi del match hanno faticato a sfondare: nel finale hanno poi condotto un vero e proprio assedio, con il risultato che non è però mutato.

L’aspetto positivo è che in queste due partite si sta vedendo un Joao Felix finalmente trascinatore dell’Atletico Madrid. L’anno scorso, il talento portoghese non ha giocato con la continuità che si pensava: era un giocatore con lampi di classe ma non molto costante nei 90′. Al contrario, oggi stiamo vedendo un Joao Felix che ha un peso enorme nella manovra. Basti pensare che ha raddoppiato sia i tocchi (64) che i passaggi (30) per 90′ rispetto alla scorsa stagione.

Oltre alla maggior sicurezza quando c’éda fare la giocata, Joao Felix si muove benissimo senza palla. Sa sempre dove ricevere libero tra le linee (soprattutto sul centro-sinistra), tramite ricezioni che aiutano l’Atletico a consolidare il possesso Quando entra in possesso, dimostra un set molto elevato di giocate: verticalizza centralmente quando un avversario attacca la profondità, dialoga bene sullo stretto con i compagni e apre bene il gioco sul lato di Trippier. Dimostra una protezione eccelsa della palla, che tiene sempre attaccata al piede con una tecnica sublime. Si muove anche bene in coppia con la punta, è sempre pronto a raccogliere le sponde di Costa e Suarez come uomo a rimorchio.

Un esempio qui. Oltre alla bellezza del sombrero, lo smarcamento è brillante.

Insomma, è meno punta e più regista offensivo: catalizza molto la manovra su di sé. Capita che a volte che le ali e i terzini si buttino dentro mentre lui ricopre una posizione più bloccata, in cui ordina la manovra offensiva. Un po’ quello che faceva Griezmann, giocatore che possedeva un peso incredibile nel peso di Simeone. Questo deve essere l’anno della consacrazione di Joao Felix, che in queste partite si sta rivelando giocatore di grande centralità nella fase offensiva della propria squadra. Non solo finalizza e rifinisce, ma guida gli attacchi dell’Atletico Madrid