Connettiti con noi

News

Bari – Palermo 0-3: show degli ospiti

Pubblicato

su

posavec palermo

I siciliani si portano al primo posto con due punti di vantaggio su Parma e Frosinone

Bari – Palermo 0-3 (62′ Rispoli, 69′ Trajkovski, 75′ Coronado)

Uomo partita CalcioNews24: Trajkovski (Palermo)

Le formazioni iniziali: Rispetto alle indiscrezioni della vigilia, l’allenatore del Bari, Fabio Grosso, ha deciso di inserire in centrocampo Brienza, autore di un’ottima gara e più volte vicino alla rete. Ha stupito poi la posizione di Improta che partendo da esterno del centrocampo a cinque, spesso si allineava alle due punte, Galano e Cissé, fungendo da terzo del tridente. Sono queste le chiavi di lettura principali su cui concentrarci per analizzare il crollo del Bari in un match così importante. Nella formazione iniziale del Palermo, invece, Tedino non ha apportato novità particolari, puntando sull’inedito tandem offensivo Embalo – Trajkovski, con il guineano ad agire da falso nueve.

Sintesi della partita: Il primo tempo si è giocato principalmente al centrocampo, con timide iniziative del Palermo. L’occasione più nitida l’ha avuta Trajkovski dopo pochi minuti: un tiro-cross dalla sinistra che, colpendo la traversa, ha rischiato di sorprendere De Lucia. Nel secondo tempo, gli ospiti sono entrati in campo con un atteggiamento più offensivo. Al 62′ il capitano Rispoli, inserendosi in area a gran velocità, ha beffato con una precisa diagonale De Lucia. A quel punto, il Bari ha cercato di reagire, scoprendosi; dopo pochi minuti Brienza ha provato la conclusione, trovando i guantoni di Posavec. Nel momento migliore del Bari, però, il Palermo ha raddoppiato con Trajkovski. Il tiro di La Gumina, murato da Capradossi, è finito tra i piedi del macedone che non ha lasciato scampo a De Lucia con un gran tiro al volo. Il secondo gol ha steso il Bari, con il Palermo che ha trovato anche la terza rete. Al 75′ Coronado ha chiuso la partita con una grandissima conclusione dalla distanza. La palla ha preso un incredibile effetto e si è infilata all’angolino destro.

Il gioco del Bari: La scelta del 3-5-2 era stata fatta da Grosso per contrastare il folto centrocampo siciliano. Era chiaro, infatti, che il match si sarebbe giocato al centrocampo. Nel primo tempo, i galletti non hanno minimamente impensierito il portiere siciliano Posavec. L’idea era di mantenere uno schieramento equilibrato; i piani sono saltati dopo l’errore difensivo che ha portato alla rete di Rispoli. A quel punto, il Bari si è scoperto molto: Improta si è alzato da quinto del centrocampo a terzo del tridente ed i pugliesi hanno perso tutti gli scontri al centrocampo, per un evidente inferiorità numerica. Inoltre la scelta di un centrocampista offensivo come Brienza nella posizione più arretrata di centrocampista centrale non ha permesso, in quel momento della gara, di avere un maggiore equilibrio in centrocampo. Lo schema è così saltato e i ripiegamenti offensivi non hanno portato ai risultati sperati. E’ la seconda sconfitta di fila, dopo quella contro l’Entella, e preoccupa soprattutto la fragilità difensiva della squadra; il lato positivo è da trovare nella classifica, dato che i punti di distacco dalla vetta sono appena tre.

I meriti del Palermo: Nonostante le numerose e pesanti assenze, i siciliani, consapevoli che il match si sarebbe giocato al centrocampo, sono riusciti a spaventare gli avversari. Prima del gol di Rispoli, infatti, il Bari non si era mai affacciato dalla parti del portiere Posavec. E’ un dato significativo sull’atteggiamento dei padroni di casa. Il merito del Palermo sta nell’essere riuscito a vincere i principali scontri a centrocampo, mentre la velocità e l’istinto di un laterale come Rispoli ha sbloccato una partita molto chiusa. La classifica sorride, ora più che mai, ai siciliani che hanno il loro bel “posto al sole” in cima al campionato di Serie B.