Catania, Spolli: ?Il Napoli ha fatto poco. Rolin..?

© foto www.imagephotoagency.it

NAPOLI CATANIA SPOLLI – Non accusa pesantemente l’operato dell’arbitro, ma non ci va nemmeno leggero Nicolas Spolli, che ha parlato degli episodi arbitrali dopo la sconfitta con il Napoli: «Il fallo di mani di Zuniga e il mancato rosso a Grava hanno, in ogni caso condizionato la partita. Soprattutto quando è stato commesso il fallo su Gomez, ci siamo confrontati con l’arbitro, ma non tutti gli uomini che dirigevano la pensavano allo stesso modo. Che si mettessero d’accordo, perché lì due sono le cose da fare. O dai il rosso, oppure non fischi neanche il fallo di gioco, talmente era palese il gesto che… Quei due episodi hanno inciso sulla partita, al pari delle decisioni non adottate dall’arbitro. Resta un grande rammarico, ma anche la convinzione che, avendo chiuso la partita con i tentativi in attacco, possiamo rialzarci subito», ha dichiarato, come riportato da La Sicilia, il difensore del Catania, che poi ha proseguito: «Europa? Sogno per i tifosi, noi siamo sempre dell’idea che prima dobbiamo raggiungere quota quaranta punti e salvarci, poi si potrà parlare d’altro. Sto bene, ero motivato e, al di là del risultato finale, non abbiamo corso rischi incredibili. Anzi, il Napoli, oltre ai tiri vincenti e alla traversa di Cavani, ha fatto poco altro. Io dico che ce la siamo cavata bene, sul piano della prestazione. Rolin? È una sicurezza, ha fatto bene, si è confrontato senza timori con uno stadio pieno di pubblico e con un avversario, Cavani, che è uno dei più forti al mondo».

Il calciatore argentino ha parlato della prossima trasferta a Bergamo: «La prestazione nostra non è da buttare, anche perché nel finale abbiamo attaccato ancora, nel tentativo di riaprire la partita. Non è bastato. Atalanta? Prendiamo a piene mani tutto ciò che di positivo abbiamo confermato e siamo sicuri che, attenti, concentrati e grintosi, andremo a disputare una gara produttiva sul piano del risultato, perché possiamo riprendere la strada della vittoria».