Conferenza stampa Conte: «Prorogato DPCM fino al 13 aprile»

Conte Coronavirus
© foto www.imagephotoagency.it

Le dichiarazioni di Giuseppe Conte, presidente del Consiglio, all’Italia: l’intervento in conferenza stampa in diretta da Palazzo Chigi

Il Presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte ha annunciato attraverso i propri canali ufficiali che terrà una conferenza stampa in diretta da Palazzo Chigi. Ecco le dichiarazioni del Premier all’Italia.

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA

«Il nostro Paese sta attraversando una fase di emergenza acuta. Oggi abbiamo superato i 13000 decessi. E’ una ferita che mai potremo sanare. Non siamo nella condizione di poter allentare le misure restrittive. Siamo in stretto contatto col comunicato tecnico scientifico, cominciano a vedersi i primi miglioramenti, ma non possiamo fermarci.

Ho appena firmato il nuovo PDCM che proroga l’attuale regime delle misure disposte sino al 13 aprile. Ci rendiamo conto che vi chiediamo uno sforzo, ma se noi smettessimo di rispettare le regole, tutti gli sforzi sin qui fatti sarebbero vani. Pagheremmo un prezzo altissimo. Oltre al costo economico e sociale, dovremmo ripartire di nuovo. Non possiamo permettercelo. Invito tutti a continuare a rispettare le misure.

La Pasqua è un momento di amore e di pace, ma anche in questi giorni di festività applicheremo questo regime restrittivo. Nel momento in cui i dati dovessero consolidarsi, potremo programmare un allentamento delle misure, ma non è possibile stabilire una data. Possiamo abbracciare la fase 2: la convivenza col virus, per poi entrare alla fase 3, l’uscita dall’emergenza e il ripristino delle attività lavorative e sociali. Sarà la fase del rilancio».

SPORT – «Dobbiamo perseguire la tutela della Salute. L’unica novità introdotta nel decreto, che ripropone il medesimo regime vigente, riguarda le sedute di allenamento. Saranno sospese. Non sono più consentite sedute collettive, ovviamente gli atleti potranno allenarsi in forma individuale».

In diretta da Palazzo Chigi alle 20.20

Gepostet von Giuseppe Conte am Mittwoch, 1. April 2020