Conferenza stampa Mihajlovic: «Orsolini non è al meglio, giocherà Olsen»

© foto www.imagephotoagency.it

Sinisa Mihajlovic, allenatore del Bologna, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro il Parma

Sinisa Mihajlovic, allenatore del Bologna, ha parlato in conferenza stampa in vista del match contro il Parma. Ecco le sue dichiarazioni:

MATCH CONTRO IL MILAN – «Prima di cominciare vorrei chiarire una cosa, visto che dopo la sconfitta a Milano ho letto tante critiche a mio parere eccessive sui giornali. Per quanto mi riguarda abbiamo fatto una prestazione discreta e sapete che sono uno che non si fa problemi a dire le cose. Abbiamo perso a Milano contro la squadra che ha la striscia positiva di risultati più lunga della serie A, non con una neopromossa. Loro hanno in squadra due fuoriclasse, Ibrahimovic e Donnarumma, i due che hanno deciso la partita. Nonostante siano più forti, noi abbiamo fatto la nostra partita, abbiamo avuto le nostre occasioni e sul secondo gol c’era un blocco su Danilo che hanno visto tutti tranne l’arbitro… Inoltre nell’ultimo quarto d’ora abbiamo avuto due occasioni… quella di Skov Olsen solo Donnarumma la poteva parare. Nessuno si aspettava un Bologna che andasse a Milano a fare la partita. Il nostro obiettivo è quello di migliorare la classifica dell’anno scorso, far crescere i giovani e giocare un bel calcio, perciò è giusto essere ambiziosi ma bisogna anche essere realistici…evitiamo le critiche eccessive, trattiamo questi giovani e questa squadra con più onestà, non vorrei mai che perdessero fiducia. A nessuno piace perdere, men che meno a me, ma bisogna guardare la prestazione sotto tutti i punti di vista e abbiamo fatto una partita discreta che possiamo sicuramente migliorare».

FASE OFFENSIVA – «Ci sono giocatori che hanno il gol nel sangue e altri noi, poi è un aspetto che si può migliorare, ma dipende sicuramente dal tipo di giocatori. Noi alleniamo sia la fase difensiva che quella offensiva, cerchiamo di creare tante soluzioni di gioco, ma in campo è il talento dei giocatori che fa la differenza. In rosa abbiamo pochi giocatori che possono garantire 15/20 gol a stagione, forse Barrow. Io ho sempre cercato gol da tanti e non da un singolo. Con il Milan siamo stati attenti in fase difensiva, più compatti, ma c’è da dire che non eravamo ancora al completo, mancava Medel».

CINQUE CAMBI – «I cinque cambi giocano a favore delle squadre che hanno una rosa lunga, basta vedere la partita di ieri tra Inter e Fiorentina… L’inter ha messo dentro Sanchez, Vidal, Nainggolan, la Fiorentina chi ha messo dentro? I cinque cambi giocano a favore delle squadre con rose ampie, che già sono più forti…»

ROSA BOLOGNA – «La mia rosa ha 13/14 giocatori di buon livello, altri devono crescere, ma non è la rosa del Milan, dell’Inter, del Napoli o della Roma. Potenialmente, però, facendo crescere i giovani che abbiamo, possiamo trasformarla in una rosa migliore, ma ci vuole tempo e pazienza».

CALENDARIO – «Noi abbiamo preparato per vincere anche la partita con il Milan, poi quello che succede in campo dipende anche dall’avversario. Noi prepariamo ogni partita con l’obiettivo di vincere e fare un gol in più dell’avversario. Con tutto il rispetto, Parma e Benevento non sono al livello del Milan, esattamente come noi. Detto questo non è per forza più facile vincere con il Parma. Nel match dell’anno scorso contro il Parma».

MATCH CONTRO IL PARMA – « Nella partita dell’anno scorso abbiamo preso due gol nei minuti di recupero… mi sono arrabbiato perchè non abbiamo gestito bene le fasi finali. Era una partita che meritavamo di vincere e che siamo riusciti a pareggiare. Spero che non si ripeta più. Non sarà una partita semplice quella contro il Parma, ma l’abbiamo preparata bene per questo sono molto fiducioso. Sicuramente quando cambi tanto ci vuole tempo per adattarsi al cambiamento. Ogni allenatore ha il suo modo di giocare, D’Aversa aveva fatto bene, ora si vedrà cosa riuscirà a fare Liverani che io reputo un buon allenatore».

ORSOLINI – «Orsolini deve recuperare la condizione fisica, non è al meglio. Sta lavorando bene ma si vede che non è in forma. Ho cercato di farlo giocare per vedere come andava, ha fatto bene la fase difensiva ma lui è uno che deve fare la differenza in avanti e se non sta bene non ci riesce. Domani giocherà Skov Olsen che negli ultimi 20′ a Milano ha fatto meglio di Orsolini».