Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza stampa Mourinho: «A Roma atmosfera fantastica. L’Atalanta mi piace» – VIDEO

Pubblicato

su

Mourinho
Ascolta la versione audio dell'articolo

José Mourinho, allenatore della Roma, ha parlato alla vigilia del match contro l’Atalanta: le sue dichiarazioni – VIDEO

José Mourinho, allenatore della Roma, ha parlato alla vigilia del match contro l’Atalanta. Le sue dichiarazioni in conferenza stampa.

PARAGONE CON GASPERINI – «C’è una differenza fondamentale tra me e Gasperini: lui lavora da sei anni all’Atalanta, io da sei mesi alla Roma. Significa anche non solo tanti allenamenti, ma dodici finestre di mercato contro una. Loro sono una società fantastica, molto stabile. Li avevo conosciuti come una squadra di metà classifica, ora sono da Champions League e che gioca per vincere lo Scudetto. Noi abbiamo una proprietà nuova che secondo me sta facendo un lavoro fantastico. L’allenatore è qui da sei mesi e il mercato è stato reattivo. C’è una differenza significativa tra le due società, ma c’è una cosa su cui non ho dubbi: noi possiamo vincere. Il calcio è il calcio e abbiamo giocatori bravi. Abbiamo uno spirito di squadra non dico unico, ma siamo fantastici sotto questo aspetto. C’è una differenza tra le due panchine, però, noi andiamo lì per vincere, non per dire che loro rappresentano sei anni di lavoro e noi di sei mesi. Se mi chiedete di restare a casa co la certezza del pareggio non accetterei. Voglio misurarmi con rispetto e ammirazione verso il lavoro dell’Atalanta».

SMALLING – «Smalling è recuperato. E’ in condizioni di giocare senza problemi».

ZANIOLO – «Per me sta giocando bene, non parlo del ruolo specifico. Ha una buona mentalità, ma sono contento e i numeri sembrano strani. Non ha fatto un gol in Serie A, ma io sono contento. I gol arriveranno, ma bisogna lasciarlo tranquillo. Io sono contento, non preoccupato. Può solo migliorare, non dico che domani sia la sua partita che può vincere da solo, ma sono fiducioso che possa fare bene».

MODELLO ATALANTA – «Ce ne sono diversi, il loro a me piace tanto. Io ho fatto tanti anni in club con mentalità totalmente diversa con un mercato per l’oggi e non per il domani. Io ho ammirazione per questo profilo di progetto, sono sei anni che fanno un mercato intelligente con una squadra che diventa forte anche economicamente. Se noi guardiamo in modo fiducioso verso proprietà e allenatore, io sono sicuro che la direzione sia quella giusta».

IBANEZ – «Ibanez così così».

EMOZIONI PER GLI OBIETTIVI DELLA ROMA – «Ci sono delle squadre che si emozionano per la salvezza. Sono gli obiettivi che fanno la differenza. Se Sheva e Thiago Motta salvano Genoa e Spezia hanno ragione di emozionarsi. Ovviamente sarei pronto a emozionarmi per il raggiungimento dei nostri obiettivi. Non ho un target che posso dire “oggi il nostro è questo”. Quando un progetto è a corto raggio non è così importante, quando il progetto è a lungo termine allora l’empatia è fondamentale. Non puoi vivere con una persona 4-5-6 anni senza empatia? Puoi farlo un anno, ti prendi il risultato e poi vai via. Qui dentro si respira un’atmosfera fantastica che dà una tranquillità enorme al progetto».

SCONFITTA E ADDIO CHAMPIONS – «Non voglio giocare con questo in testa, pensando di vincere per avere speranza Champions o il contrario. La sfida domani non è se possiamo o non possiamo, la sfida è vedere se possiamo giocare contro una squadra di grande qualità».

Advertisement

Facebook

Advertisement