Danilo tuona nello spogliatoio: «Rispettiamo la maglia dell’Udinese»

© foto www.imagephotoagency.it

In vista dei tre impegni in una settimana contro Milan, Torino e Roma, il capitano bianconero invita i compagni a lavorare per migliorare.

Tre impegni tutt’altro che agevoli nell’arco di 8 giorni: domenica pomeriggio Milan a San Siro, mercoledì sera Torino alla Dacia Arena e sabato pomeriggio la Roma all’Olimpico. L’Udinese di Gigi Delneri si trova ad affrontare quella che può essere la sua settimana decisiva per dimostrare di essere cresciuta e di poter dire ancora la sua anche in questa stagione. Domenica prossima, Udinese e Milan si troveranno di fronte con un umore completamente diverso, se infatti i rossoneri saranno chiamati ad un pronto riscatto dopo la sconfitta sonora subita contro la Lazio, nella formazione di Delneri con i primi tre punti conquistati in stagione domenica scorsa contro il Genoa, si comincia a respirare un’aria positiva. Delneri è riuscito in poco tempo ha ricostruire la squadra, a ridarle fiducia e contro il Milan potrebbe proprio essere la prova del nove per i friulani.

Apprezzamento per il lavoro fatto e soprattutto per il carattere dimostrato, è stato espresso anche dal capitano bianconero Danilo. «Quando c’è la voglia di sacrificarsi, di mettere la maglia davanti a tutto si ottengono risultati. Dobbiamo avere rispetto per l’Udinese e per la maglia. Non voglio che nessun giocatore giuri amore all’Udinese, ma rispetto si. Dopo la brutta prestazione contro la Spal siamo finalmente tornati ad essere l’Udinese di due mesi fa. C’è tanto da migliorare, ma siamo sulla strada giusta». E sull’impegno contro il Milan dichiara: «Queste partite si preparano da sole, adesso abbiamo un calendario difficile. Milan, Torino e Roma, e in questo periodo abbiamo bisogno di tutti. Per affrontare tre partite così in 8 giorni dobbiamo avere tutti a disposizione perché serviranno dei cambi».

E intanto domenica Delneri dovrà fare a meno di Pezzella, squalificato dal giudice sportivo per una giornata dopo l’espulsione rimediata domenica per il fallo commesso su Omeonga, ma sarà nuovamente a disposizione per il match casalingo contro il Torino. Già perdonato dal tecnico di Aquileia, Pezzella adesso dovrà dimostrare di aver capito la lezione e di essere pronto a mettersi a disposizione per contribuire alla causa bianconera.

Occhi puntati in questi giorni anche su Simone Scuffet, il giovanissimo portiere friulano che domenica si troverà di fronte il compagno di nazionale Gigio Donnarumma. Due portieri accomunati, oltre che dalla giovane età (messi assieme non raggiungono gli anni di Buffon), anche dalle pensati critiche subite (in periodi differenti) a causa di prestazioni non impeccabili. La curiosità sarà nel capire chi dei due è cresciuto di più in questi mesi e potrà essere più utile alla propria squadra.

Ieri, complice il maltempo che si è abbattuto anche in Friuli, la squadra ha lavorato in palestra. Oggi è ripreso il lavoro sul terreno di gioco. Gli impegni sono tanti, ravvicinati e importanti. Non c’è più spazio per gli errori.

Condividi