Connettiti con noi

Focus

El Kun Raspadori, l’oro del Sassuolo che tifa Inter e ha ribaltato il Milan

Pubblicato

su

Raspadori inter

Il Sassuolo si gode Giacomo Raspadori, prodotto del settore giovanile neroverde, che ha steso il Milan con una doppietta da record

Giacomo Raspadori da Bentivoglio. I tifosi del Milan, probabilmente, ricorderanno questo nome a lungo. E’ stato il giovane classe 2000 infatti a fare la differenza in Milan-Sassuolo. I riflettori di San Siro erano puntati su Rafael Leao ma il portoghese ha deluso, l’italiano invece ha dato una grande lezione di umiltà e ha lanciato anche un messaggio ai signori del calcio. Ha dato un segnale importante perché si può fare calcio in una certa maniera, puntando sui vivai. E Raspadori è la punta dell’iceberg del grande lavoro fatto a Sassuolo in questi anni, con un settore giovanile che è cresciuto anno dopo anno grazie al direttore Francesco Palmieri. Ha iniziato con il Progresso, squadra dilettantistica di Castel Maggiore, a Bologna. Il Sassuolo aveva ingaggiato il fratello ma aveva notato anche Giacomo. Il responsabile del vivaio sassolese di allora, Gianni Soli (lo stesso che scoprì Berardi, ndr), lo vide e insistette con la famiglia, affinché lasciasse andare i due fratelli Raspadori. Giacomo è andato avanti, ha fatto la trafila nelle giovanili del Sassuolo, guardando i video del Kun Aguero (dice di ispirarsi a lui) e guardando in tv le partite dell’Inter. Tifava per per i nerazzurri da ragazzino e la doppietta da record al Milan (1° giocatore a segnare una doppietta da subentrato contro il Milan in Serie A nell’era dei tre punti a vittoria (dal 1994/95) lo avrà fatto doppiamente contento. Ieri infatti ha fatto soprattutto il suo dovere per il Sasol ma ha dato anche una grossa mano all’Inter di Antonio Conte.

Giacomo Raspadori da Bentivoglio: il Sassuolo ha il nuovo Berardi in casa

La prima chiamata in prima squadra è arrivata nel 2017/2018, con Beppe Iachini in panchina, ma è stato Roberto De Zerbi, un anno più tardi, a farlo esordire in Serie A. Nell’ultimo anno e mezzo ha lavorato in silenzio con la prima squadra, trovando anche 6 gol e guadagnandosi la fascia. «La fascia di capitano gli ha fatto bene ed era quella la mia finalità: fargli concretamente vedere che lui è un giocatore importante a tutti gli effetti e che non era il semplice ragazzino aggregato alla prima squadra e quel gesto ha fatto sì che lui si assumesse maggiori responsabilità e che facesse vedere quali sono le sue qualità». Detto fatto. Il ‘bravo’ ragazzo è diventato più smaliziato. E’ cresciuto, grazie anche agli insegnamenti di Roberto De Zerbi, che lo ha coccolato. E scherzando ha detto: «Dopo il Benevento gli ho detto che una sera saremmo dovuti andare a rubare portafogli, per fargli capire che è un ragazzo bravissimo e certe volte non malizioso». Niente rapina ma nel frattempo Raspa è diventato un rapinatore d’area di rigore.