Connettiti con noi

Hanno Detto

Inter, Conte: «Nessuna speranza per chi insegue. Futuro? Non so cosa accadrà»

Pubblicato

su

Antonio Conte, allenatore dell’Inter, ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine del match contro il Napoli

Antonio Conte, allenatore dell’Inter, ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine del match contro il Napoli. Le sue dichiarazioni.

NAPOLI – «Il Napoli lotta per la Champions League, noi potevamo giocarci qualche bonus qui. Il martello pneumatico è entrato nel cervello dei miei calciatori, che stanno sempre sul pezzo e non concedono speranze a chi sta inseguendo. Oggi abbiamo lasciato due punti nei confronti del Milan, ma questo pareggio poteva essere messo in preventivo».

CRESCITA – «Ho sempre detto che i successi del gruppo passano dalla crescita fisica e mentale di ogni calciatore. Quest’anno è avvenuto, a volte con le buone e a volte facendo rimarcare alcune situazioni. Ho trovato un gruppo di ragazzi che ha dato enorme disponibilità, sono loro i primi a voler vincere. A fine carriera conta il curriculum».

ERIKSEN – «Doveva capire che nel calcio esistono due fasi, quella difensiva e offensiva. Ci ha messo un po’ ad ambientarsi col calcio italiano, abbiamo cercato in tutti i modi di inserirlo. Ora si sta esprimendo con buona continuità e sono convinto che possa fare molto di più. Sa benissimo che io sono lì a esortarlo. Sta aumentando il tasso di aggressività e intensità, questo ha portato benefici».

FUTURO – «Dobbiamo concentrarci sul presente. Non sappiamo cosa accadrà, non sappiamo niente. Parlare di mercato non ha senso. Quando ci sarà tempo, conosceremo meglio la situazione. Sono contento e orgoglioso di questo gruppo che è cresciuto tanto. In altri momenti della stagione, questa partita l’avremmo persa. La squadra sa cosa vuole e non perde mai la via».

Advertisement