Keita all’Inter, ci siamo: il senegalese si allena a parte col Monaco. E Candreva chiede tempo

keita lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Keita all’Inter, ci siamo quasi

Keita all’Inter, la trattativa per il trasferimento del senegalese in nerazzurro potrebbe essere slegata dalla cessione di Candreva al Monaco. Il club milanese è da ore in pressing per chiudere l’affare con l’attaccante ex Lazio: l’accordo, come riportato da Sky Sport, si prevede sulla base del prestito con diritto di riscatto per una cifra intorno ai 30 milioni. E mentre Antonio Candreva chiede tempo ai club per riflettere sul percorrere o meno la via inversa, da Montecarlo arrivano segnali positivi sull’imminente trasferimento di Keita in nerazzurro: il giocatore senegalese, nell’allenamento odierno, ha lavorato a parte con i giocatori infortunati nonostante le sue condizioni apparentemente ottimali.

Keita Balde è pronto a dire sì ai nerazzurri, l’affare si farà anche senza Candreva: Ausilio determinato ad alzare la parte cash

Keita Balde corre verso l’Inter, anche senza Antonio Candreva. La pedina individuata dal Monaco per uno scambio di prestiti con diritto di riscatto, non è orientato ad accettare un trasferimento a titolo temporaneo nel Principato ma l’affare legato all’ex laziale andrà comunque in porto. Il no dell’italiano ha complicato un po’ l’affare tra le due società, tuttavia, i dirigenti nerazzurri non intendono fermarsi e proveranno a chiudere comunque l’operazione con un prestito oneroso (5-6 milioni) e un diritto di riscatto intorno ai 20 milioni per una valutazione complessiva non troppo diversa da quella fissata con il Sassuolo per Politano. Diverso sarà invece l’ingaggio visto che quello di Keita si aggirerà intorno ai 3 milioni. Sembrava che a Monaco potesse interessare un centrocampista nerazzurro (Gagliardini), ma non c’è stato nessun affondo finora.

Per il momento, dunque, il rifiuto di Candreva al prestito al Monaco è netto e chiaro. La destinazione è gradita (club ambizioso che gioca la Champions) anche se Antonio a Milano sta benissimo e la sua compagna nei prossimi mesi lo renderà padre, ma la formula individuata non gli piace. Dopo il rinnovo siglato un paio di mesi fa, ha tre anni di contratto con l’Inter a cifre importantissime (compreso il bonus per la partecipazione alla Champions arriverà a quasi 3,5 milioni a stagione) e nessun desiderio di andare a Montecarlo per poi tornare indietro nel 2020. O il trasferimento sarà a titolo definitivo (magari in prestito con obbligo di riscatto) oppure Candreva resterà, con il rischio di essere comunque tolto dalla lista Champions e di finire ai margini del progetto. Sono ore caldissime in casa nerazzurra.