Connettiti con noi

Lazio News

Inzaghi: «Abbiamo sofferto, ma la vittoria è meritata»

Pubblicato

su

inzaghi

Allo Stadio Olimpico è finita la diciannovesima di Serie A che ha visto di fronte Lazio e Crotone: le ultime notizie e le dichiarazioni di Simone Inzaghi al termine della sfida

Alla fine la Lazio ce l’ha fatta a vincere una partita che per Simone Inzaghi e i suoi ragazzi sembrava più che stregata. Una delle quattro partite del pomeriggio di oggi per la diciannovesima giornata di Serie A ha visto di fronte la Lazio padrona di casa e il Crotone ospite allo Stadio Olimpico di Roma e i biancocelesti hanno avuto la meglio solo nel finale dopo aver fallito un calcio di rigore. Inzaghi ha analizzato il match in zona mista.
LAZIO VS. CROTONE: PARLA INZAGHI – «Io penso che il Crotone sia venuto a fare la partita che doveva fare ma se si guardano le statistiche la vittoria è meritata. Se si sbaglia un rigore e si sbagliano diversi gol poi è difficile vincere. Dovevamo ottenere prima i tre punti ma vedere questi ragazzi giocare così per me è un orgoglio, soprattutto se guardo quelli che solitamente giocano meno. Immobile giocava meglio quando non segnava rispetto alle prime gare della stagione» è quanto ha detto il tecnico dei laziali Simone Inzaghi alla fine della partita tra Lazio e Crotone ai microfoni di Rai Sport.

INZAGHI A PREMIUM SPORT: «Oggi abbiamo sofferto un po’, i numeri però non mentono. Abbiamo sbagliato un rigore e non abbiamo trovato la via del goal, ma alla fine è arrivata una vittoria meritata. Adesso dobbiamo giocare un girone di ritorno all’altezza di quello dell’andata. Immobile? Non abbiamo mai perso Ciro, lui è sempre stato importante per noi anche quando la rete non arrivava. Siamo stati felici però che sia tornato al goal. Luis Alberto e Lombardi? Sono felice per loro, hanno fatto bene. Il rigore di Biglia? E’ capitato, ma la sua partita è stata buona. I rigori li sbaglia solo chi ha il coraggio di tirarli, parliamo di un calciatore molto importante. La Champions? Nessuno ci ha regalato nulla, abbiamo fatto molti punti per arrivare dove siamo. Non siamo più una novità, al ritorno ci aspetteranno tutti».