Italia, in Svezia per vendicare il “biscotto” del 2004

buffon italia
© foto www.imagephotoagency.it

Italia, per andare al mondiale bisogna battere la Svezia. E’ l’occasione giusta per vendicare il biscotto del 2004?

Sarà la Svezia l’ultimo ostacolo che l’Italia di Giampiero Ventura dovrà superare per arrivare ai mondiali di Russia. L’urna di Zurigo, infatti, ha sancito che nel doppio confronto di novembre, gli azzurri dovranno vedersela con la nazionale scandinava, che di certo non rievoca buoni ricordi nella mente dei tifosi italiani.

Quale tifoso azzurro, infatti, non ricorda il cosiddetto “biscotto” rifilatoci dalla Svezia e dalla Danimarca durante gli Europei del 2004? La nazionale italiana, guidata dall’allora ct Giovanni Trapattoni, vinse 2-1 contro la Bulgaria – grazie alla rete di Antonio Cassano – ma dovette comunque salutare la competizione giocata in Portogallo, a causa del sospetto 2-2 tra le due nazionali del Nord Europa. Non solo, nel 2015 l’Under 21 di Di Biagio, fu eliminata dagli Europei, a causa di un altro biscotto, che vide ancora una volta gli svedesi protagonisti, con il pareggio per 1-1 con il Portogallo, che rese vana la vittoria per 3-1 degli azzurrini sull’Inghilterra.

Seppur complicato, dunque, il sorteggio fornisce all’Italia l’occasione giusta per cancellare i cattivi ricordi legati alla Svezia. Vincere il doppio confronto e impedire alla nazionale scandinava di partecipare al prossimo mondiale potrebbe essere la giusta vendetta per quanto accaduto nel 2015, ma soprattutto nel 2004. Di certo ci penserà Gianluigi Buffon, unico calciatore ancora in azzurro di quella “sfortunata” spedizione in Portogallo.