Juve campione se… le combinazioni per lo Scudetto 2018

Iscriviti
matuidi juventus
© foto www.imagephotoagency.it

Juventus campione d’Italia 2018 se… Le ultime novità

Dopo il pareggio del Napoli contro il Torino lo Scudetto della Juventus è praticamente certo, manca solo la matematica (questione di formalità a questo punto). I bianconeri infatti sono a +6 quando mancano due giornate alle fine del campionato e, supponendo pure che perdano le prossime due gare (contro Roma e Verona già retrocesso) e che gli azzurri al contrario vincano le restanti (contro Sampdoria e Crotone) si dovrebbe fare affidamento sulla differenza reti, essendo la classifica avulsa degli scontri diretti praticamente in parità (vittoria 0 a 1 della Juve all’andata al San Paolo, vittoria 1 a 0 del Napoli al ritorno all’Allianz Stadium). Al la Juve è a +61 gol in attivo, mentre il Napoli a +45. In altre parole, per vincere lo Scudetto, la squadra di Maurizio Sarri dovrebbe vincere le prossime due segnando almeno una quindicina di gol, sperando che la Juve perda le prossime subendone altrettanti.

La Juventus vince lo Scudetto se…

  • Vince la prossima con la Roma e il Napoli non vince con la Sampdoria
  • Non vince con la Roma ma il Napoli perde con la Sampdoria
  • Perde con la Roma ma vince col Verona a prescindere dai risultati azzurri
  • Arriva a pari punti con gli azzurri ed ha una differenza reti migliore

juventus scudetto 2017

Juventus campione d’Italia 2018 se… Le combinazioni – 5 maggio 2018

La vittoria contro il Bologna di fatto avvicina la Juventus di un ulteriore passetto allo Scudetto. Per l’aritmetica adesso basta davvero poco: i bianconeri potrebbero essere addirittura campioni d’Italia già domani qualora il Napoli dovesse uscire sconfitta dal campo contro il Torino. Attualmente infatti la compagine di Massimiliano Allegri è a +7 dagli azzurri quando le mancano soltanto due partite da giocare (a quella di Maurizio Sarri tre). Anche il pareggio tra partenopei e granata sarebbe comunque un lusso per la Juve: i cugini del Torino, fermando il Napoli domani, non garantirebbero proprio lo Scudetto matematico ma quasi, perché i bianconeri sarebbero a +6 sui diretti avversari a quel punto e, in caso di arrivo a pari punti, varrebbe la differenza reti che al momento è nettamente a favore bianconero (+61 contro +45: anche se il Napoli deve giocare una partita in più, difficilmente riuscirà a sovvertire le cose).

Proprio la differenza reti sarà un aspetto ipoteticamente fondamentale, perché in sostanza negli scontri diretti tra Juve e Napoli non è uscita una netta vincitrice (0 a 1 per la Vecchia Signora a dicembre, 0 a 1 per gli azzurri un paio di settimane fa) ed è dunque proprio al calcolo gol fatti meno gol subiti che ci si dovrà affidare in caso di arrivo al fotofinish. La vittoria del Napoli domani contro il Torino non cambierebbe le cose rispetto a stamane (+4), ma sarebbe comunque un grosso vantaggio per gli uomini di Allegri, che avrebbero una partita in meno da giocare: contro la Roma e soprattutto contro il Verona già retrocesso proprio oggi basterebbero infatti appena un paio di punti anche qualora il Napoli dovesse battere Torino, la Sampdoria ed il Crotone all’ultima giornata. Insomma: adesso più che mai il destino del campionato è nelle mani bianconere, ma è un destino che si prevede molto dolce. Staremo a vedere.


Leggi anche: IL CALENDARIO DEL PROSSIMO TURNO DI SERIE A