Connettiti con noi

Hanno Detto

Milan, Giroud: «Questa squadra farà strada. Vogliamo mandare l’Inter a -10»

Pubblicato

su

Giroud

L’attaccante del Milan Giroud ha parlato del suo primo periodo in rossonero e del derby di domenica sera

Olivier Giroud, attaccante del Milan, ha rilasciato una lunga intervista a La Gazzetta dello Sport dove ha parlato del suo primo periodo in rossonero e del derby di domenica contro l’Inter.

AVANZARE IN CHAMPIONS – «Lo dice anche l’aritmetica. Abbiamo le qualità per fare bene, questa è una squadra ben progettata che farà strada e io punto a vincere tanto con il Milan. In città e allo stadio c’è un’atmosfera bellissima, quello che si è visto contro il Porto è il trailer del film che vivremo nel derby a San Siro».

RAPPORTO CON IBRAHIMOVIC – «Normale, come con tutti gli altri compagni di squadra. Ibra è una persona piacevole e molto disponibile nello spogliatoio, parla con i compagni, è molto presente ed è un gran professionista. Abbiamo un buon dialogo. Forse all’esterno appare diverso, un po’ più, come dire, concentrato su se stesso, ma non è affatto così con chi lavora con lui ogni giorno».

SCUDETTO – «E perché non dovrei?In campionato stiamo andando veramente bene, giochiamo un buon calcio e abbiamo molte diverse possibilità. Siamo una squadra giovane che crescerà in fretta: conoscevo le qualità di Leao, ma il suo talento visto da vicino è veramente incredibile. Non conoscevo invece Tonali, che mi ha impressionato per volume di gioco e qualità. E poi ci sono ragazzi come Gabbia e Daniel Maldini che diventeranno grandi in fretta».

PIOLI – «Mi ha colpito l’energia. Trasmette forza positiva, ma non soltanto questo: è vicino ai giocatori e se ha qualcosa da dire, lo dice. E tatticamente è molto bravo perché sa anche adattarsi agli avversari. Dovrebbe migliorare in inglese e francese». Risata. «Scherzo, fra l’altro il suo francese è buono».

DERBY – «Partita importante perché mandare l’Inter a dieci punti non sarebbe male, anche se c’è ancora tanto da giocare. Diciamo che sarà una gara fondamentale ma non decisiva e il Milan ha le armi per vincerla. Certo, l’avversario è molto forte, però se giochiamo come sappiamo possiamo vincere. Siamo il Milan e abbiamo sette punti in più, qualcosa vorrà pur dire. Dobbiamo avere molta fiducia in noi stessi. Rispettare l’avversario non significa averne soggezione».

LEGGI L’INTERVISTA INTEGRALE SU MILAN NEWS 24

News

video