Milan, Mihajlovic: «Sono convinto, domani la vinciamo!»

© foto www.imagephotoagency.it

Continua: «La Sampdoria ci metterà in difficoltà»

Una delle partite più attese della 14^ giornata di Serie A è quella in programma a San Siro tra Milan e Sampdoria. In conferenza stampa, Sinisa Mihajlovic ha presentato la sfida contro la sua ex squadra: «Sono convinto che riusciremo a mantenere questa media, abbiamo tutte le qualità per riuscirci per mantenere entro fine girone d’andata questa media. Vista questa partenza un po’ falsa, possiamo fare meglio nel girone di ritorno. Differenze tra Sampdoria di Zenga e quella di Montella? E’ presto per giudicare: hanno giocato solo una partita con Montella, la Sampdoria è una squadra ostica con calciatori dal centrocampo in più in grado di fare la differenza. E’ una squadra che ci metterà in difficoltà, non posso però dire che differenze ci sono ora tra Zenga e Montella. Per me la Samp è stata una società importante nella carriera calcistica e in quella da allenatore, auguro il meglio a Vincenzo ed al presidente, ma sono convinto che domani la vinciamo».

CONTINUA MIHAJLOVIC«Bertolacci? Non lo abbiamo avuto per tante partite, come Balotelli: sono due pedine importanti, che consentono di variare modulo ed essere pericolosi. Personalità? Sono tutti calciatori di Nazionali, abbiamo perso contro la Juventus, che non è l’ultima in classifica: volevamo e dovevamo fare di più, siamo mancati un po’ in fase offensiva. I giocatori hanno personalità, può crescere con le vittorie ed i buoni risultati. Soddisfatto di 10 punti raccolti da qui a Natale? No. Chiave di lettura per i problemi offensivi? Ogni partita ha una storia a se: con Lazio ed Atalanta ci mancavano 3-4 calciatori, c’erano calciatori che non avevano minuti nelle gambe. Contro la Lazio si poteva attaccare, con l’Atalanta ci hanno aspettati e ripartiva. Con la Juventus non abbiamo fatto niente noi ma neanche loro, poi ci sono gli episodi: abbiamo sbagliato troppi passaggi in uscita».