Napoli, a Firenze in cerca di gol senza Milik e Lozano

© foto www.imagephotoagency.it

Le ambizioni scudetto del Napoli passano per l’aumento dell’efficienza offensiva, ma nella prima stagionale Ancelotti dovrà arrangiarsi

Il Napoli riparte da Firenze con più convinzione che mai. “Non dico che vinceremo, ma lotteremo per vincere e questa è una responsabilità che mi prendo personalmente” ha dichiarato Ancelotti nella conferenza della vigilia.

Una convinzione forte di un mercato importante, da 10 l’ha definito Sir Carlo, e delle certezze che i suoi ragazzi avranno aumentato nel calcio che il 3 volte campione d’Europa da allenatore sta tentando di inculcargli dall’anno scorso. Primo obiettivo, per migliorare rispetto all’anno scorso, sarà segnare innanzitutto un po’ di più. L’anno scorso a Firenze finì 0-0, è lo stesso Ancelotti a ricordarlo in conferenza. Ironia della sorte però, dopo un’intera estate a parlare di un attacco da rinforzare, il Napoli affronterà il primo esame senza il suo centravanti, che resta e resterà Arkadiusz Milik, non convocato perché non al meglio, e senza Lozano, fiore all’occhiello della campagna acquisti. Toccherà ancora una volta a Mertens, dunque, togliere le castagne dal fuoco, almeno per il momento. Il belga sarà supportato da Callejón e Insigne sugli esterni e da Fabián Ruiz sulla trequarti. A completare il 4231 di Ancelotti ci saranno Meret tra i pali, Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly e uno tra Ghoulam e Mario Rui in difesa. Al duo Zielinski-Allan sarà invece affidata la mediana.