Napoli, il colpo lo tenta Ancelotti: recuperare Insigne con il 4-2-3-1

© foto www.imagephotoagency.it

Nel secondo test stagionale Ancelotti lancia un 4-2-3-1 che prevede Insigne sulla sinistra: il tecnico azzurro tende la mano al capitano

Era solo la seconda amichevole di luglio, ma Napoli-Feralpi Salò (5-0 per gli azzurri) era un test atteso ed importante. Non solo perchè il Napoli aveva steccato la prima uscita col Benevento, che conta il giusto, quanto per il fatto che con il recupero di diversi nazionali Ancelotti avrebbe avuto la possibilità di gettare le primissime basi del Napoli che verrà. E la curiosità c’era, perchè in questa estate si è parlato tanto, troppo di nomi, e poco di come Ancelotti avrebbe avuto intenzione di sistemarli in campo.

Sir Carlo in effetti qualcosa ha cambiato: 4-2-3-1, che è comunque parente di primo grado del 4-4-2 dello scorso anno, ma con la variante principale rappresentata dalla nuova posizione di Insigne, dirottato sulla sinistra, dove il talento napoletano ha tutt’altro che nascosto di trovarsi meglio. Certo, non è il 4-3-3, con le libertà offensive e la vicinanza allo spigolo dell’area di rigore avversaria che gli concederebbe, ma seppur dovesse macinare qualche chilometro in più, per il capitano azzurro il supporto della riga laterale può rivelarsi comunque quello di un amico ritrovato, oltre che un alleato prezioso per ritrovare sé stesso dopo l’ultima stagione con più ombre che luci e tutti le voci di mercato che ne sono conseguite. L’alternativa a Insigne, purissima, è rappresentata da Younes, che ieri ha fatto il trequarti perdendosi un po’ nel mezzo come succedeva proprio al talento di Frattamaggiore e che sarà molto più a suo agio sull’out mancino. A destra, manco a dirlo, prosegue il regno di Callejòn, e a quel punto al Napoli servirebbero alternative per Milik e Mertens nei ruoli di prima punta e trequarti: a questo punto, palesemente, i due veri obiettivi di mercato per Ancelotti.

Se il braccio di ferro con il Real Madrid per James Rodriguez è ancora in piedi, per il ruolo di centravanti il Napoli sta intensificando i contatti con l’entourage di Icardi: De Laurentiis sa cosa serve per prenderlo dall’Inter, ed è disposto ad accontentare i nerazzurri. Il punto è convincere il giocatore, smuoverlo dal suo momento di ribellione, un po’ capricciosa, che lo porta ad ora a rifiutare qualsiasi destinazione per non darla vinta all’Inter, e soprattutto assicurarsi che, a quel punto, l’argentino scelga di spostarsi da Milano per il Napoli e non soltanto per la Juventus. Questa partita è ancora molto lunga e si giocherà verosimilmente ad agosto inoltrato.