Napoli-James, ora dipende dall’Atletico: azzurri non più padroni del destino della trattativa

james rodriguez bayern monaco
© foto www.imagephotoagency.it

L’Atletico Madrid fa sul serio per James Rodriguez, il Napoli non è più padrone del destino dell’operazione e adesso ha due possibilità

Come vi raccontiamo da metà giugno, il Napoli non è mai stato solo nella corsa a James Rodriguez, con l’Atletico Madrid che ha sempre seguito da vicino l’operazione attraverso la vicinanza del ds Berta con Jorge Mendes, con cui nelle ultime settimane si è chiuso il colpo Joao Felix.I colchoneros sarebbero pronti a mettere sul piatto i 42 milioni cash che servono per far sì che il colombiano cambi sponda della capitale spagnola. Tutto, di fatti, è nelle mani dell’Atletico. La predisposizione del calciatore ad accettare l’azzurro e la parola inizialmente data da Jorge Mendes non possono far miracoli: il Napoli lo vuole in prestito con diritto ed è ovvio, quasi banale, che il Real Madrid darebbe la priorità a chi è disposto ad acquistare il calciatore sin da subito. Tradotto: dipende dall’Atletico, se vuole James, lo chiude anche domani.

Il Napoli a questo punto deve sperare che l’Atletico faccia altre scelte, vedi Rebic e Lacazette, o dovrebbe altrimenti cambiare i termini della propria offerta, rendendola allettante per i blancos quanto quella dei colchoneros. Non è detto che basti però, con James piacevolmente colpito dall’interesse di Simeone e soprattutto maggiormente a proprio agio nella prospettiva di restare in una città che già conosce senza dover affrontare problemi di nuova lingua. Intanto l’intensificarsi dei contatti per Icardi, il sondaggio per Lukaku, la ripresa del filo per Rodrigo e un Lozano che sta sempre lì ad aspettare, sono tutti elementi che lasciano pensare a come il Napoli il grande colpo voglia farlo comunque. Che sia o non sia necessariamente il trequartista del Real.