Pagelle Olympiacos-Juventus: Benatia sembra il miglior Bonucci! A Dybala serve un esorcista

dybala
© foto www.imagephotoagency.it

Pagelle Olympiacos-Juventus: Benatia e De Sciglio brillano, bene anche Cuadrado. Bocciati Dybala e Khedira, segnali di ripresa di Alex Sandro

SZCZESNY 6.5 – Bravissimo nel primo tempo su Djurdjevic, superlativo nella ripresa su Marin. Si è lasciato alle spalle le prestazioni non convincenti contro Benevento e Sampdoria distinguendosi nel palcoscenico europeo.

DE SCIGLIO 6.5 – Gioca con attenzione e con la fiducia ritrovata nei propri mezzi, elemento fondamentale per poter tornare ad essere quello degli esordi al Milan. Si candida a diventare un titolare inamovibile.

BARZAGLI 5.5 – Djurdjevic gli crea un po’ di apprensione, che non viene sempre gestita con lucidità. Non è più brillante come un tempo e quest’anno si inizia ad intravedere qualche imperfezione di troppo (25′ st RUGANI 6 – Serata non troppo impegnativa, ma rischia guai quando Ben Nabouhane lo anticipa prendendo il palo).

BENATIA 6.5 – Già a Napoli aveva dimostrato di essere in uno stato di forma straordinario. Altra prova di grande livello. Esce anche qualche volta palla al piede, provando con alterne fortune a fare il “Bonucci”.

ALEX SANDRO 6.5 – Non è ancora il laterale devastante degli ultimi due anni, ma in Grecia ritrova almeno il passo da fenomeno che ha sempre avuto. L’assist vincente per Cuadrado è una delle tante note liete di una serata che può cambiargli la stagione.

KHEDIRA 5.5 – Un po’ più stanco del solito, perde qualche pallone di troppo in fase di impostazione. Quando manca Pjanic è l’uomo a risentirne maggiormente.

MATUIDI 6 – Polmoni d’acciaio, come al solito. Sorregge il centrocampo, facendo legna dal primo all’ultimo minuto. Ed è legna che serve come il pane alla Juve.

CUADRADO 7 – Ci mette lo zampino, facendosi trovare al posto giusto nel momento giusto. C’è anche quest’anno la sua firma sulla qualificazione della Juve (39′ st BERNARDESCHI 7 – Entra e chiude la partita in 5 minuti. Ingresso importante, sarà lui il grande rinforzo in vista della seconda parte di stagione).

DYBALA 5 – Tanti indizi, uno di fila all’altro, stanno diventando delle prove schiaccianti. La Joya trotterella per il campo, ma la fase nera che sta vivendo è palese. Perde fiducia alla prima sbavatura, finendo per fornire una prestazione anonima e lontana anni luce dagli standard abituali (16′ st PJANIC 6 – Entra e fa quel che serve, mettendo ordine ad un centrocampo un po’ attempato).

DOUGLAS COSTA 6 – Si sta reinventando, cercando anche di ripiegare in fase difensiva. Il sacrificio alla Mandzukic gli fa perdere un po’ di lucidità, ma almeno dimostra che si sta calando nel mondo Juve con encomiabile umiltà.

HIGUAIN 6 – Prova in linea con quella di Udine in campionato. Fa da centrocampista aggiunto, permettendo alla squadra di essere sempre in superiorità numerica in mezzo. Il gol può attendere: servirà con l’Inter…

ALL. ALLEGRI 6.5 – Juve non certo scintillante, ma va bene così. Ancora una volta vince grazie al sapiente turnover. Nella gestione delle risorse è probabilmente il miglior allenatore del mondo.

Pagelle Olympiacos-Juventus: positivi Proto e Romao, da rivedere gli spenti Odjidja e Nikolau

OLYMPIACOS: Proto 6.5; Elabdellaoui 6, Nikolaou 5.5, Angels 5.5, Koutris 6; Romao 6.5, Tachtsidis 6; Pardo 6, Odjidja-Ofoe 5 (16′ st Fortunis 5.5), Sebà 5.5 (1′ st Marin 6); Djurdjevic 6 (25′ st Ben Namouhane 6). All. Lemonis 5.5.