Inter, la ricetta vincente di Antonio Conte per lo scudetto

Iscriviti
Inter Conte
© foto www.imagephotoagency.it

L’Inter di Antonio Conte che ribalta il derby nel secondo tempo è l’emblema del suo credo. I giocatori in campo danno tutto per la maglia.

Testa, cuore e gambe. Un concetto sul quale Antonio Conte ha fondato il suo gioco. Un diktat che si è portato oltre i confini italiani vincendo anche in Inghilterra. Una mentalità che il mister leccese ha impartito alla sua squadra, sempre disposta a lottare per il proprio allenatore. Finora in campionato è arrivata solamente una sconfitta, quella contro la Juventus ad ottobre. Poi a ridosso di gennaio tre pareggi consecutivi avevano rallentato la corsa dei nerazzurri, ma era questione di tempo. L’Inter a Udine ha vinto una partita sporca, quelle che aiutano, ti forgiano e ti danno una grossa spinta a livello psicologico.

Antonio Conte è questo. Sanguigno, esplosivo e soprattutto vincente. La stagione scorsa, a questo punto del campionato, l’Inter era al terzo posto con 43 punti in classifica. Un anno dopo i punti sono 54 e ora i nerazzurri guardano tutti dall’alto al basso. Merito sicuramente di un ottimo mercato che ha portato materie prime fantastiche. E’ però sempre merito dello chef fare un grande piatto.

Questa Inter che ribalta uno 0-2 nel derby è tutta l’essenza di Antonio Conte. Uno dei più grandi motivatori attualmente in circolazione. A questo va ad aggiungersi una buona dose di tattica perché Conte ad inizio anno l’aveva detto: “Not crazy Inter. No more”. Ecco, dopo il derby su questo aspetto c’è ancora qualcosina da fare.