Spadafora: «Juventus Napoli? Mi aspetto una decisione saggia» – VIDEO

Vincenzo Spadafora, ministro dello Sport, ha parlato in occasione della presentazione del libro di Sara Gama, calciatrice della Juventus

Vincenzo Spadafora, ministro dello Sport, ha parlato in occasione della presentazione del libro di Sara Gama, calciatrice della Juventus, presso il Salone d’Onore del Coni.

CONTAGI IN SERIE A – «Intanto chiaramente il mio augurio a tutti è di stare bene il prima possibile. Mi preoccupa i giusto nel senso che noi abbiamo un protocollo che è un protocollo valido, ma è valido se viene rispettato, quindi il mio invito è che possa essere rispettato. E abbiamo visto nelle settimane scorse che non sempre, non tutte le squadre, non tutte le società lo hanno rispettato pienamente e lo hanno fatto rispettare ai propri calciatori. Dopodiché è anche vero che queste sono le condizioni minime che noi abbiamo chiesto a tutte le squadre, insieme alla Lega e alla Figc, per poter ripartire col campionato. Se la Lega vuole, può adottare anche misure più severe a tutela dei suoi giocatori. Credo che per adesso la situazione, nonostante i numerosi contagi, sia sotto controllo, ma ripetto, se la Lega vuole può restringere ancora di più le maglie. La prima cosa che auspico è un rigoroso rispetto del protocollo, non è stato così dall’inizio e non è stato così per tutti. Questo è un dato».

JUVENTUS-NAPOLI – «Mi aspetto che decida in saggezza. Sto aspettando sicuramente con grande attenzione, con grande attesa anche io, ma non sembra il caso di esprimersi 24 ore prima con un commento a riguardo».

GIRO D’ITALIA – «È vero che la carovana gira in tutta Italia, ma anche vero che lì c’è un protocollo molto rigido e nel momento in cui lo si osserva come stanno facendo coloro che sono risultati positivi credo che non ci siano altri problemi particolari. Io vorrei che lo sport riuscisse veramente a dare questo segnale positivo del fatto che noi possiamo continuare a fare le cose che vogliamo e che dobbiamo fare, però con un rispetto rigoroso delle regole per tutti a partire dallo sport, dall’alto livello allo sport di base. Se le rispettiamo veramente tutti, non cerchiamo escamotage come nelle settimane scorse, qualche volta, qualche società, soprattutto di calcio, ha cercato, secondo me ce la possiamo cavare tutti quanti e possiamo vedere i campionati e tutte le discipline sportive andare avanti».