Thohir: «Avanti con Mancini, ha il nostro completo supporto»

© foto www.imagephotoagency.it

Il presidente dell’Inter: «Obiettivo è sempre Champions League, tre-quattro nuovi arrivi»

Poche ore fa vi abbiamo riportato le parole di Erick Thohir, numero uno dell’Inter, sulla possibile cessione di quote. Al termine del CdA odierno, il tycoon indonesiano ha rilasciato altre dichiarazioni, riportate dal sito ufficiale nerazzurro: «Perché ha deciso di parlare così tanto oggi? Non è corretto. Oggi abbiamo annunciato la struttura del nostro management, con l’ingresso di Giovanni Gardini come Chief Football Administrator. Questo incontro con i media era già previsto, potete guardare la mia agenda. Non ho deciso di incontrarvi per quello che è stato scritto nelle ultime ore. Il programma della mia giornata non è cambiato. Periodo difficile per il calcio italiano? Tutti i presidenti devono confrontarsi per cercare la strada migliore per il bene del campionato italiano. La Serie A ha bisogno di crescere e di sondare il mercato asiatico, perché rappresenta il futuro, soprattutto dal punto di vista dei diritti televisivi e dal punto di vista commerciale. Dobbiamo trovare un mercato globale per la Serie A, questa è la mia idea».

CONTINUA THOHIR«Pirelli è un buon partner per l’Inter? Lavoriamo con Pirelli da più di vent’anni e abbiamo gli stessi obiettivi. Vogliamo crescere a livello globale, per questo abbiamo per esempio fatto una conferenza stampa insieme in Cina. Quest’anno andremo negli Stati Uniti e sicuramente parleremo ancora con Pirelli, magari troveremo il modo di collaborare anche con Brooks Brothers, altro nostro partner. È importante avere questo tipo di partnership a livello commerciale. Dobbiamo proteggere il nostro brand. Insieme. Che messaggio voglio  mandare ai tifosi? Vinciamo contro la Juventus, questa è la cosa più importante (sorride, ndr). A dicembre eravamo in testa alla classifica, ora siamo quinti ma il nostro obiettivo è sempre la Champions League. Abbiamo cambiato tanti giocatori ma quest’estate non faremo lo stesso perché serve continuità. Cambieremo tre-quattro giocatori al massimo mentre non cambieremo allenatore. Roberto Mancini è il nostro tecnico, ha il nostro completo supporto, ha un contratto e vogliamo andare avanti con lui. Tutta la dirigenza si incontra settimanalmente alla Pinetina perché è giusto che la parte sportiva e la parte societaria dialoghino tra di loro».