Torino, idea tridente: Mazzarri fa gli straordinari al Filadelfia

© foto www.imagephotoagency.it

Torino, prende quota l’idea del tridente: Mazzarri fa gli straordinari al Filadelfia per disegnare la sua squadra

Non è una novità, in casa Torino. Perché il tridente rappresenta qualcosa di già visto: nella passata stagione agli ordini dello stesso Mazzarri, in estate durante il ritiro di Bormio. Quando, anzi, quella con tre attaccanti pareva essere l’opzione numero uno in vista della nuova annata. Non è stato così, finora. Ma potrà esserlo, d’ora in poi. Il tecnico granata ci sta infatti lavorando con la sua proverbiale maniacalità nel corso di intense sessioni d’allenamento al Filadelfia.

Il tridente come soluzione al periodo grigio – se non del tutto nero – del Torino affonda le radici in due motivazioni. Una di natura psicologica, come espediente per smuovere gli animi di uno spogliatoio che a tratti sembra inerte e per rilanciare uno spirito più propositivo in campo. E una di natura tecnica, con Iago e Verdi costretti a lungo ad inseguire la condizione ottimale. Ma lo spagnolo sta ormai smaltendo gli strascichi dell’infortunio patito in Europa League ad agosto e l’ex Napoli sta recuperando il deficit atletico accumulato nel corso di un’estate ai margini con gli azzurri. Il loro momento, insomma, è scoccato. E con il loro – con ogni probabilità – anche quello del tridente.