Connettiti con noi

Hanno Detto

Ancelotti: «Superlega? Il calcio deve cambiare per tornare appassionante»

Pubblicato

su

Le parole al Corriere dello Sport dell’allenatore del Real Madrid Carlo Ancelotti: tanti i temi toccati dal tecnico ex Milan

Carlo Ancelotti, allenatore del Real Madrid, si è concesso ad un’intervista al Corriere dello Sport. Una panoramica a 360° sul calcio di oggi, mercato e Superlega. Ecco le sue parole:

SUPERLEGA«Il calcio deve cambiare e per farlo bisogna iniziare dal ridurre il numero delle partite. I giocatori non ne possono più, si gioca troppo e male. E’ ora di dire basta. Ci sono giocatori che rifiutano la Nazionale e lo spettacolo è precipitato. Sarri? E’ lui a pensarla come me. L’idea della Superlega nasce proprio dall’esigenza di un cambiamento. Con la qualità aumentano i ricavi e il calcio torna ad essere appassionante. »

MONDIALE OGNI DUE ANNI«Mi ripeto. Serve fare meno partite. Basterebbero due finestre per le Nazionali. Con una riduzione delle partite sono convinto che anche allenatori e giocatori si ridurrebbero lo stipendio. Il calcio così, non sta in piedi.»

NAZIONALE«A luglio fece un miracolo e andrebbe ringraziata. A livello individuale siamo inferiori a Spagna, Francia, Germania, Inghilterra e Belgio. Le motivazioni più le condizioni fisiche e atletiche giuste hanno portato ad un risultato eccezionale.»

SORTEGGIO MONDIALI – «Complicato, ma ce la faremo. Eventuale finale con il Portogallo? Che sfiga.»