Bartomeu rivela: «Avevo accettato l’invito per una futura superlega europea»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Josep Maria Bartomeu ha parlato in conferenza stampa dopo aver rassegnato le dimissioni da presidente del Barcellona

Josep Maria Bartomeu ha parlato in conferenza stampa dopo aver rassegnato le dimissioni da presidente del Barcellona. Le sue parole.

DIMISSIONI«Comunico le mie dimissioni e quelle del resto del consiglio di amministrazione. È una decisione presa in considerazione da tutti. Questa mattina ho ricevuto la risposta della Generalitat e la loro risposta è chiara: il Governo della Generalitat ribadisce che non ci sono impedimenti legali allo svolgimento del voto di sfiducia. Ciò significa che chiedono che il voto sia decentralizzato. Non fanno menzione della nostra proposta di avere 15 giorni di margine per poter garantire le necessarie misure di sicurezza».

CHAMPIONS – «Sappiamo di aver lasciato il club nelle mani di un dirigente, che in questi tempi di pandemia non sappiamo se potrà convocare le elezioni. La volontà del consiglio non è mai stata quella di perpetuarsi nel club. Dopo l’eliminazione della Champions League sarebbe stato facile dimettersi, ma dovevamo garantire il futuro del club nel mezzo di una crisi globale senza precedenti. Non potevamo lasciare il club nelle mani di un manager. Chi avrebbe ingaggiato un allenatore o ingaggiato giocatori o garantito la continuità di Messi o modificato gli stipendi? Come consiglio di amministrazione avevamo l’obbligo di farlo».

SUPERLEGA EUROPEA – «È stato un onore servire il club, come manager e come presidente. Ho cercato di assumere la posizione con responsabilità e onestà. Mi auguro che nei prossimi giorni si possa chiudere l’adeguamento salariale della forza lavoro e dei dipendenti, che se non fatto potrebbe avere gravi conseguenze per la società. Si spera che ci sia un accordo da tutte le parti. Posso annunciare che ieri abbiamo approvato i requisiti per far parte di una Super League europea. La decisione di disputare il torneo deve essere ratificata dalla prossima Assemblea. Possiamo dire con orgoglio di essere il miglior club al mondo in termini di valore. L’abbiamo raggiunto prima di grandi magnati e Stati, mantenendo il club nelle mani dei membri. La European Club Super League farà in modo che il club rimanga dei membri ‘. La nostra unicità significa che non dobbiamo distribuire dividendi e che i benefici sono stati assegnati a investimenti sportivi e immobiliari. Il club ha una solidità indiscutibile».