Bayern Monaco, Ancelotti fatto fuori per la lingua: «Se non parli tedesco…»

ancelotti bayern monaco
© foto www.imagephotoagency.it

Tanto Hasan Salihamidzic quanto Lothar Matthäus hanno ammesso che la mancata padronanza della lingua tedesca è stata fatale ad Ancelotti al Bayern

Nei giorni che si caratterizzeranno per i retroscena sull’esonero di Carlo Ancelotti dal Bayern Monaco, due voci importanti quando si parla dei bavaresi confermano che a risultare fatale per il tecnico di Reggiolo è stata, anche, la lingua. Il primo a dare un indizio in questo senso è stato Hasan Salihamidzic, attuale ds del Bayern, che tra le tante cose ha dichiarato: «Per il momento in panchina ci starà Sagnol, ma presto arriverà un nuovo allenatore e speriamo che parli la lingua tedesca…». Un chiaro riferimento al fatto che il nostro connazionale non la padroneggiasse, anzi.

A confermare questa tesi è stata anche una leggenda vivente del Bayern Monaco come Lothar Matthäus, che a Sky ha spiegato: «Il motivo principale dell’esonero è stato sicuramente che alcuni giocatori, che per il Bayern Monaco hanno fatto tanto in questi anni, non si capissero con Ancelotti. E probabilmente anche lui non si intendeva con loro perché nelle ultime settimane era diventato evidente che qualcosa tra squadra e allenatore non funzionasse. Il nuovo tecnico dovrà parlare assolutamente il tedesco. Sia Ancelotti che Guardiola ci hanno provato all’inizio in conferenza stampa a parlare il tedesco, ma con il tempo hanno optato per l’inglese: questo era un segnale del fatto che non fossero al 100% dietro alla società, perché in un anno e mezzo non si è imparata la lingua».