Concerto Vasco: scontro Napoli-Comune

© foto www.imagephotoagency.it

Pannelli in campo, il Napoli chiama la Polizia: ecco come è andata

Divampano le polemiche, ma a bruciare è soprattutto il terreno del San Paolo: l’agronomo del Napoli ieri mattina ha scoperto che gli operai della Fast Forward, società che organizza i concerti di Vasco Rossi, hanno cominciato a montare i pannelli che dovranno sostenere il palco senza che il manto erboso fosse stato tagliato e senza che venisse steso su di esso un materiale geotessile per favorire la traspirazione dell’erba. La società partenopea ha, quindi, deciso di chiamare la Polizia, arrivata mentre gli operai rimuovevano i pannelli da un terreno di gioco apparso in condizione precarie già poche ore dopo la sistemazione dei pannelli.

BOTTA E RISPOSTA – Il club, come riportato da La Gazzetta dello Sport, ha presentato un esposto contro ignoti in Procura: «Le nostre preoccupazioni erano fondate. Ora faremo gli interventi già previsti per preservare al meglio il terreno di gioco e smonteremo le panchine», ha dichiarato il dirigente Formisano. I concerti non sono a rischio, ma lo sono invece i rapporti col Comune. La replica dell’assessore allo sport Borriello è dura: «Le polemiche sulla mancata comunicazione dell’inizio dei lavori, per altro regolarmente inviata al Napoli, fanno soltanto male all’immagine della città».