Connettiti con noi

Atalanta News

Conferenza stampa Gasperini: «Ma quale spareggio. Ronaldo problema della Juve»

Pubblicato

su

Gasperini

Gian Piero Gasperini, tecnico dell’Atalanta, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della gara contro la Juve

Gian Piero Gasperini, tecnico dell’Atalanta, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della gara contro la Juventus. Ecco le sue dichiarazioni.

GUARDA LA CONFERENZA STAMPA DI GASPERINI SUL CANALE YOUTUBE CALCIONEWS24

SPAREGGIO«Non è uno spareggio, semmai sarà quello di Coppa Italia. In finale deve esserci un vincitore per forza, in campionato è importante, ma poi rimangono sette gare e 21 punti disponibili. I punti pesano sempre di più, ma in tutti i modi non sarà una partita definitiva».

RONALDO«È un problema della Juve. Può esserci qualche accorgimento diverso, ma noi pensiamo ad affrontare i bianconeri».

PESSINA«Sta bene, si è allenato in maniera individuale. Ieri si è aggregato alla squadra, se gioca te lo dico domani».

TESTA SGOMBRA – «Non arrivare in Champions sarebbe un pessimo risultato. Noi pensiamo a quella che è la nostra opportunità, per noi arrivare in Champions per la terza volta di fila sarebbe un traguardo fantastico, per loro è un traguardo minimo».

DIFESA A TRE «Ci siamo tutti, possiamo schierarci come meglio crediamo. È una forza, possiamo esprimerci con assetti diversi. Poi la valutazione va fatta in base all’avversario».

ISPETTORE DOPING «Non penso alla dietrologia e alla giustizia ad orologeria, non c’è stata nessuna interruzione».

ANEDDOTO JUVE«Nella Juventus ho fatto vent’anni, sia da ragazzino che da allenatore. Ci sono parecchi aneddoti, ma non credo sia il caso».

COPPA ITALIA – «Può essere un modo per misurarsi in vista della finale. Può essere un modo per prendere le giuste contromisure».

CLIMA ATALANTA JUVE E MAGLIA RONALDO A GOSENS «Sapeva che non veniva Ronaldo. C’è un bel clima, c’è un po’ di tensione giusta per affrontare la gara di domani. Poi c’è la Roma, c’è un mese in cui raccogli i risultati per quanto riguarda la prossima stagione. Siamo lì, c’è un po’ di tensione. Ma c’è un bel gruppo».

FUTURO ALLA JUVE«Le possibilità? Se ci sono mai state sono state superate, non ho questi pensieri. In questi cinque anni siamo arrivati davanti a tutte le squadre, ma mai davanti alla Juventus. Lo ritengo comunque difficile, la considero una squadra forte».

CHAMPIONS O COPPA ITALIA «Ho sempre detto la qualificazione in Champions, lo ripeto anche quest’anno, in termini di crescita e blasone. La Coppa Italia sarebbe un trofeo in bacheca, viene sicuramente ricordato di più».

ORSATO «È uno dei migliori arbitri in assoluto, ha fatto qualche erroraccio come Inter-Juve di qualche anno fa, che ha pagato, ma anche i grandi giocatori hanno sbagliato. Se è una garanzia te lo dico domani dopo la partita».
RONALDO O DYBALA – «Sono due grandissimi giocatori, ho avuto la possibilità di allenare Dybala a Palermo. Un predestinato. Sul piano tecnico come si fa, non tira mai fuori, prende sempre la porta, possiamo discutere di altri argomenti, ma sul piano calcistico…Dybala? Avrei preferito fosse rimasto fuori una settimana o due».
ANDATA«È stata una gara equilibrata, c’è stato il rigore parato da Gollini e altri due interventi su Morata, globalmente è stata una gara equilibrata e il risultato è stato giusto. Da quella sera l’Atalanta ha migliorato di molto le sue prestazioni».