Connettiti con noi

Calcio Estero

De Zerbi: «Shakhtar top club. Acquisti dalla Serie A? Perché no»

Pubblicato

su

Roberto De Zerbi si è presentato ufficialmente ai microfoni del canale ufficiale dello Shakhtar Donetsk: le sue parole

Roberto De Zerbi si è presentato ufficialmente ai microfoni del canale ufficiale dello Shakhtar Donetsk. Le sue dichiarazioni.

SHAKHTAR – «È un top club: la direzione del club, poi, ha la mia stessa filosofia, le mie stesse idee. Qui ci sono tanti giocatori di talento e volevo davvero allenare all’estero. Lavorare in Italia è una cosa, farlo all’estero dà uno slancio alla mia carriera».

CHAMPIONS LEAGUE – «Prima c’è la Supercoppa, per noi molto importante, poi la prima del campionato. Vogliamo iniziare bene, con una vittoria. Poi, ovviamente, inizieremo a pensare alla Champions perché vogliamo entrare nel girone».

OBIETTIVI – «Il mio obiettivo è migliorare il livello dei giocatori e vincere trofei, ma anche aiutare il club ad alzare il livello, poiché il club aumenterà il mio. Parlando di questo, parlo di tutto: calciatori, infrastrutture e livello di gioco. – Ho visto le partite, ad esempio, con Real Madrid, Roma, Inter. Ma in quel momento stavo lavorando al Sassuolo ed era difficile considerare un’altra squadra. Certo, conosco tutti i giocatori dello Shakhtar, mi piacciono molti di loro. Abbiamo molti talenti. Anche i giovani sono molto interessanti: dovrebbero sapere che io credo in loro. Sono sicuro che insieme diventeranno giocatori ancora più importanti».

ACQUISTI IN ITALIA – «Può essere. Vedremo. Dobbiamo guardare a quali posizioni abbiamo bisogno dei giocatori. Non dovrei portare un giocatore con me solo perché ho lavorato con lui. Per me, la cosa più importante è che si adattino alla filosofia del mio gioco e a quella dello Shakhtar, allora perché no?».